Differenze tra le versioni di "Sergio Lanza"

Jump to navigation Jump to search
cit
(cit)
(cit)
{{Int|Citato in ''Multiculturalismo e identità''|Di Carmelo Vigna e Stefano Zamagni, Vita e Pensiero, 2002}}
 
*Anche per la pastorale si impone l'immagine della rete.
*Credo che le [[domanda|domande]] non siano mai sbagliate; le risposte potrebbero esserlo. Ma credo anche che astenersi dal fare domande sia la risposta peggiore di tutte.
*Il credente non può limitarsi alla ripetizione difensiva; è chiamato ad una evangelizzazione creativa.
*La differenza è non solo alterità, ma relazione, è contemporaneamente rispecchiamento e differenza.
*La domanda di salvezza non è prodotta dall'evangelizzazione, piuttosto la precede; ma è la forza del Vangelo - nella sua discrezione culturale e nella sua forza testimoniale - che la esplicita, la fa emergere e la tematizza.
+La mobilità non diminuisce il rilievo delle realtà territoriali: il luogo, anche nella mobilità, resta una realtà.Le chiama, piuttosto, a nuove figurazioni ed attivazioni.
*La mutazione epocale del contesto socioculturale esige dunque una conversione pastorale di fondo: il passaggio dal paradigma autoreferenziale e ripetitivo della cura d'anime (figura dei cerchi concentrici) e dell'appartenenza a quello missionario e creativo dell'evangelizzazione (figura della rete).
*La rassicurazione tecnopratica è di labile conforto.
*Il passaggio da una accezione umanistica ad una meramente sociologica della cultura ne segna il regresso a figura formale, senza istanza di valore e senza proiezioni contenutisticamente contrassegnate: la cultura è allora il nome che si dà a ciò che accade, comunque accada, senza riguardo all'uomo ed alla società.
*La parola della fede non consegna una identità cristiana prefabbricata e standardizzata, ma i riferimenti che consentono di costruirla e i criteri che permettono di identificarla.
*La proposta culturale, soprattutto nella sua declinazione comunicativa e sociopolitica, mostra di non essere ancora all'altezza della peculiarità ingarbugliata e complessa che caratterizza la nostra epoca.
*La Rivelazione, come evento di ri-creazione, sana la ferita mortale del peccato e consente all'uomo di riprendere il dialogo interrotto in Eden.
*La [[società di massa]], dominata dalle fittizie libertà mercantili, cattura il soggetto e lo mette in catene.
*La società multiculturale non vive di pensiero debole; deve essere al contrario giuridicamente e culturalmente forte.
*Non si può ridurre la [[cultura]] a bricolage di dati fenomenici; al centro rimane l'uomo con la sua dignità e le sue esigenze.
*Per la comprensione tra i popoli, le creazioni meticce di individui e gruppi di confine valgono più di tanti programmi scolastici e di tanti convegni sull'universalismo.
*Separandosi dalla religione, la riflessione illuministica dichiara la propria impotenza a fornire criteri validi ed universali, a cogliere la totalità, ad esprimere il significato dell'uomo e del mondo.
*Tendiamo a sentirci orgogliosi di ciò per cui, invece, dovremmo provare vergogna: vivere nell'epoca postideologica o postutopica, mostrare indifferenza per qualunque immagine coerente di società buona ed aver barattato la preoccupazione per il bene pubblico con la libertà di perseguire l'appagamento personale.
12 407

contributi

Menu di navigazione