Differenze tra le versioni di "Neal Barnard"

Jump to navigation Jump to search
1 564 byte aggiunti ,  5 anni fa
nessun oggetto della modifica
*Il [[riso integrale]] ha tutte le fibre che possiamo desiderare da Madre Natura. (p. 180)
*Se ami le [[salsiccia|salsicce]], compra quelle vegane: hanno lo stesso sapore, senza colesterolo aggiunto né cadaveri suini sulla coscienza. (p. 181)
*Se le [[droga|droghe]] sono davvero letali, se possono mettere nei guai con la legge, distruggere le relazioni sociali, [...] perché le persone ne fanno uso? La ragione ha un nome: [[dopammina|dopamina]]. Nel profondo del cervello, nel cosiddetto ''centro della ricompensa'', essa attende in minuscole vescicole tondeggianti all'interno dei neuroni. [...] La dopamina resetta le priorità, in modo che qualsiasi cosa tu debba fare – litigare col vicino, darti al giardinaggio, volare sulla luna... è indifferente – venga subordinata a ciò che la fa mettere in circolo. È lei che fissa la tua agenda. [...] Ecco perché la gente ricorre alle droghe. Il mercato delle droghe legali e illegali si basa su un difetto del cervello: la facilità con la quale il rilascio di dopamina è facilmente manipolabile. (pp. 189-190)
*Nel tuo tratto digerente, la caseina, la proteina del latte, si scinde per rilasciare oppioidi chiamati casomorfine. Che non vengono prodotti dai neuroni. Si trovano nella proteina del latte progettata dalla natura per far crescere in fretta il vitellino. Durante la digestione, gli oppioidi vengono liberati e trasportati dal sangue, e finiscono per scatenare il rilascio di dopamina. [...] Il [[formaggio]] altro non è che un concentrato di caseina, e contiene quindi casomorfine in ''dose'' molto più elevata. Potranno pure puzzare di piedi, essere zeppi di grassi saturi e colesterolo, avere più sodio di una bistecca, ma la gente si precipita al banco dei formaggi per farsi la dose quotidiana di oppioidi e dopamina. (p. 191)
*La cosiddetta «moderazione», sia per le [[tabagismo|sigarette]], sia per il cibo non sano, è semplicemente un modo per rialimentare un fuoco, invece di lasciarlo spegnere. (p. 198)
 

Menu di navigazione