Differenze tra le versioni di "Alessandro di Afrodisia"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
 
*Non perché qualcosa di simile si predica di essa, allora l'anima è corporea.<ref>Da ''De anima libri mantissa''; citato in ''L'anima degli animali'', p. 148.</ref>
*Quelli che dicono che è un dato di necessità il fatto che noi siamo buoni o malvagi, quelli che non ci lasciano possibilità alcuna di fare o di non fare quelle azioni per mezzo delle quali diventiamo tali, [...] come potrebbero non concordare che l'uomo – in funzione del quale essi dicono che tutte le altre cose sono state create per aiutarlo a sopravvivere – sia stato generato come il peggiore di tutti gli esseri animati? Se infatti la virtù e il vizio sono in sé una bene e l'altro male, e nessuno egli esseri animati è capace né dell'una né nell'altro, mentre, fra gli uomini, i più sono malvagi e a nascere buoni si racconta siano stati al massimo in uno o in due (strani animali, davvero, questi, che vanno contro la loro natura e che sono più rari della Fenice presso gli Etiopi!); se poi tutti questi uomini malvagi sono ugualmente malvagi fra loro, tanto che non è possibile distinguerli l'uno dall'altro, e se tutti quelli che non sono saggi sono tutti folli, allora come non potrebbe essere l'uomo l'animale più infelice di tutti, dal momento che la malvagità e la follia gli sono state assegnate in sorte come tratti congeniti?<ref>Da ''De fato'', 28; citato in ''L'anima degli animali'', pp. 159-160.</ref>
*Se nei vegetali la corteccia è in funzione del pericarpo, e se il pericarpo è in funzione del frutto, allora essi vengono innaffiati per essere nutriti e vengono nutriti per poter dare i frutti.<ref>Da ''De fato'', 23; citato in ''L'anima degli animali'', p. 130.</ref>
 
==Altri progetti==
{{interprogetto}}
 
{{stub}}
 
[[Categoria:Filosofi greci antichi]]

Menu di navigazione