Differenze tra le versioni di "Giuseppe Tomasi di Lampedusa"

Jump to navigation Jump to search
 
==Citazioni su Giuseppe Tomasi di Lampedusa==
*C'era fra di noi una sorta di gara, a chi fosse più abile scopritore di interessanti novità. Ricordo che fu così a proposito del grande poeta Yeats, il grande poeta d’Irlanda che fui io il primo a leggerlo prima ancora di Lampedusa […] E così ci siamo accaparrati tutta la letteratura contemporanea europea, tedesca, francese. Ricordo anzi che fu proprio Lampedusa a introdurre a Palermo, nella Palermo colta, Rilke [...] Poi passarono Joyce, Proust. Di Proust mi ricordo che una volta mi disse "Sai, c’è uno scrittore francese il quale per fare due passi da lì a qui ci impiega dieci pagine". La prima immagine che io ho avuto di Proust è stata questa. ([[Lucio Piccolo]])
 
*Mi dispiace che Lampedusa sia ricordato soprattutto per la famosa frase secondo cui se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi. Abitavo in via Mariano Stabile e andavo spesso al bar Mazzara. Lo ricordo in un angolo, intento a scrivere. Era molto gentile, attento, non molto loquace. Ma la conversazione letteraria lo prendeva. Certo, la frase del Principe Salina è emblematica, ma non la amo. È una condanna. Penso invece che bisogna rimboccarsi le maniche, partire dalle piccole cose, fare il proprio dovere. ([[Dacia Maraini]])
 
==Bibliografia==
Utente anonimo

Menu di navigazione