Ferdinando Imposimato: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
nessun oggetto della modifica
(Eliminato gli spazi tra i testi delle citazioni; aggiunta nuova citazione)
mNessun oggetto della modifica
*{{ndr|Riguardo la candidatura politica di Antonio Ingroia}} La correttezza è la prima regola che un magistrato deve seguire. Nel caso specifico dell'ex procuratore aggiunto di Palermo, poi, con un'indagine che interessa la mafia come quella che si è appena lasciato alle spalle, la situazione è ancora più delicata.<ref name=Ingroia>Dall'intervista di Paola Alagia, ''[http://www.lettera43.it/politica/ingroia-un-caso-grave_4367577286.htm Ingroia? Un caso grave]'', ''Lettera 43.it'', 21 dicembre 2012</ref>
*{{ndr|C. s.}} La decisione del magistrato siciliano non solo fa nascere il sospetto che l'intera attività svolta sia stata solo strumentale a una discesa in campo, ma rischia di far perdere credibilità anche a tutto il team di persone che hanno lavorato con lui.<ref name=Ingroia/>
*La storia delle stragi ha origine negli eventi accaduti alla fine della [[seconda guerra mondiale]] con lo scontro tra due blocchi contrapposti. [...] Il [[Italia|nostro paese]], nella spartizione a Yalta, divenne una specie di colonia americana, una nazione a sovranità limitata a causa dell'interferenza d'oltreoceano. [...] Intorno agli interessi egemonici degli [[Stati Uniti d'America|USA]] si radunarono così nuovi alleati, ben contenti di avallare o realizzare la strategia della tensione in Italia. Accanto all'OSS, alla [[CIA]] e ai servizi segreti, si ritrovarono Ordine Nuovo, repubblichini, destra [[Democrazia Cristiana|democristiana]], gerarchie [[Vaticano|vaticane]], [[massoneria]] americana, loggia [[P2|Propaganda 2]], parte delle forze armate e apparati del Viminale, cui talvolta si unirono anche organizzazioni dichiaratamente criminali, come [[mafia]], [[camorra]], [['Ndrangheta|'ndrangheta]] e [[banda della Magliana]]. (da ''La repubblica delle stragi impunite'')
*Non sono aderente al M5S ma trovo esagerati e ingiusti gli attacchi a [[Beppe Grillo|Grillo]]. Egli ha denunziato la paralisi e l'impotenza del Parlamento, che non si può disconoscere. Il Parlamento, quale organo che approva leggi per il bene comune, di fatto non esiste. È un'amara realtà, non un'offesa al Parlamento. La [[Laura Boldrini|Boldrini]] non si deve offendere, deve prenderne atto. Vorrei sapere quali leggi il Parlamento ha approvato nei suoi primi mesi di vita! E quali sta discutendo, di quelle che interessano i giovani e il lavoro. Nessuna! La finta legge che cercava risorse, abrogando il finanziamento pubblico dei partiti, dovrebbe entrare in vigore solo nel 2017! Vergogna!<ref>Citato in ''[http://www.beppegrillo.it/2013/06/il_parlamento_non_esiste.html Il Parlamento non esiste]'', ''Beppegrillo.it'', 13 giugno 2013.</ref>
 
172

contributi

Menu di navigazione