Differenze tra le versioni di "Lev Tolstoj"

Jump to navigation Jump to search
453 byte aggiunti ,  3 anni fa
m
*Eroe del racconto, eroe che io amo con tutta l'anima e che ho sempre cercato di riprodurre in tutta la sua bellezza, e che sempre è stato, è e sarà meraviglioso, eroe del mio racconto è la [[verità]].<ref group="fonte">Da ''I racconti di Sebastopoli'', traduzione di Vittorio Tomelleri, I Grandi Libri Garzanti, Milano, 1995. ISBN 8811585643</ref>
*Finché esisteranno i [[mattatoio|macelli]], esisteranno sempre dei campi di battaglia.<ref group="fonte">Da ''The vegetarian'', Londra, 1893; in ''Perché sono vegetariano'', p. 12.</ref>
*Ho appena letto il magnifico racconto di [[Мichail Arcybašev|Arcibašev]] ''Il sangue'' che per le sue qualità letterarie potrà meglio di ogni qualsivoglia argomento convertire la gente al vegetarismo o piuttosto toglierà loro quella assurda credenza della necessità di mangiare esseri viventi.<ref group="fonte">Da ''Lettera a Iosif Iosifovič Perper'' (1909), traduzione di Gianfranco Giorgi; in ''Perché sono vegetariano'', p. 125.</ref>
*I [[Cavallo|cavalli]] compiangono solamente se stessi o, di tanto in tanto, solamente coloro nella cui pelle riescono a immaginarsi senza fatica.<ref group="fonte">Da ''Cholstomér: storia di un cavallo'', traduzione di Serena Prina, in ''Tutti i racconti'', volume secondo, Mondadori, Milano, 2006, p. 100. ISBN 8804555181</ref>
*''Il [[contenuto]] deve essere facile da capire, non astratto.'' È assolutamente falso. Il contenuto può essere come volete. Ma non si deve sostituire l'andare al sodo con le chiacchiere, non si deve nascondere con parole scelte il vuoto del contenuto.<ref group="fonte">Da ''La lingua dei libri destinati al popolo'', in ''Avanzi popolo'', p. 11.</ref>
*Il [[poeta]] sottrae tutto il meglio della vita per trasferirlo nella sua scrittura. Perciò la sua scrittura è così splendida e la vita così brutta.<ref group="fonte">Citato in Sof'ja Tolstaja, p. 158.</ref>
*Io più di chiunque altro sono debitore di molte cose a [[Stendhal]]. Egli mi ha insegnato a capire la guerra.<ref group="fonte">Citato in [[Serena Vitale]], ''Introduzione'', in Lev Tolstoj, ''Resurrezione'', Garzanti, Milano, 2002, p. XX. ISBN 8811361575</ref>

Menu di navigazione