Differenze tra le versioni di "Senso della vita"

Jump to navigation Jump to search
m
nessun oggetto della modifica
m
{{voce tematica}}
[[Immagine:Adi Holzer Werksverzeichnis 850 Lebenslauf.jpg|thumb|''Il corso della vita'' (Adi Holzer, 1997)]]
{{indicedx}}
Citazioni sullo '''scopo''', il '''significato''' e il '''senso della vita'''.
 
==Citazioni==
*A me risulta che la ricerca del senso è una sorta di partita a scacchi, molto dura e solitaria, e che non la si vince alzandosi dalla scacchiera e andando di là a preparare il pranzo per tutti. È ovvio che occuparsi degli altri fa bene, ed è un gesto così dannatamente giusto, e anche inevitabile, necessario: ma non mi è mai venuto da pensare che potesse c'entrare davvero con il senso della vita. Temo che il senso della vita sia estorcere la felicità a se stessi, tutto il resto è una forma di lusso dell'animo, o di miseria, dipende dai casi. Peraltro, è anche possibile che mi sbagli. È giusto un pensiero istintivo – un certo modo di vedere il mondo. ([[Alessandro Baricco]])
*Ama la vita più della sua logica, solo allora ne capirai il senso. ([[Fëdor Dostoevskij]])
*[[Preghiera|Pregare]] è pensare al senso della vita. ([[Ludwig Wittgenstein]])
*Proprio per questo mio essere legato a tutte le idee o a [[relativismo|nessuna]], ho disimparato a prendere sul serio la vita. In fondo mi emoziona molto di più leggerla in un romanzo, dove c'è una concezione a sostenerla [...]. [...] Il nostro tempo si guarda bene dal prendere sul serio gli avvenimenti e le avventure di cui è pieno. ([[Robert Musil]])
*Qual è il senso della vita, o della vita organica in generale? Rispondere a questa domanda implica comunque una religione. Mi chiederete, allora, ha senso porla? Io rispondo che l'uomo che considera la propria vita e quella delle creature consimili priva di senso non è semplicemente sventurato, ma quasi idoneoinidoneo alla vita. ([[Albert Einstein]])
*Quando ti guardavo, la mia vita aveva senso. Anche le cose brutte avevano senso, perché erano necessarie a renderti possibile. ([[Jonathan Safran Foer]])
*Quel che ci tranquillizza è la successione semplice, il ridurre a una dimensione, come direbbe un matematico, l'opprimente varietà della vita; infilare un filo, quel famoso filo del racconto, di cui è fatto il filo della vita, attraverso tutto ciò che è avvenuto nel tempo e nello spazio! [...] Quasi tutti gli uomini sono dei narratori… a loro piace la serie ordinata dei fatti perché somiglia a una necessità, e grazie all'impressione che la vita abbia un corso si sentono in qualche modo protetti in mezzo al caos. ([[Robert Musil]])

Menu di navigazione