Differenze tra le versioni di "Football Club Internazionale Milano"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
(No, una la nomina solamente, facendo riferimento ad un episodio personale, l'altra è una classica frase fatta che ogni giocatore dice della propria squadra)
*{{NDR|In riferimento alla Champions League 2010, vinta dai nerazzurri dopo aver battuto il Barça in semifinale}} L'Inter può vincere la Champions un anno perché ha buoni giocatori o perché è stata fortunata. Ma l'Inter non rimarrà certo [nella storia]. ([[Xavi]])
*L'Inter racchiude in sé una splendida storia di passione, una tradizione di vittorie e una forte ambizione al successo. Come ha detto l'indimenticabile Giacinto Facchetti "Il segreto di ogni trionfo sta nella propria convinzione". ([[Erick Thohir]])
*L'Inter rappresenta una porta al mondo per il Suning, diventeremo un brand molto conosciuto in tutto il mondo. Trentotto anni fa i nerazzurri sono stati i primi a visitare la Cina e grazie a questo sono il club più tifato in Cina. Crediamo che l'Inter diventerà ancora più internazionale e ancora più forte. ([[Zhang Jindong]])
*La maglia nerazzurra la ricordo di un peso incredibile. La gente dell'Inter mi ha sempre amato e lo fa ancora, ma arrivare a giocare nell'Inter dopo i fenomeni che c'erano stati mi faceva paura. Era incredibile, passare da Brescia alla grande città, Milano, per giocare con l'Inter: passare da Suarez, Corso, Mazzola a Beccalossi, emozioni impressionanti. ([[Evaristo Beccalossi]])
*Lo confesso. Sono un tifoso interista. Seguo l'Inter da quando avevo sei anni. Ho sognato con [[Ronaldo]]. Ho goduto con [[Mourinho]]. Ho sbattuto più volte la testa al muro vedendo correre sulle fasce delle più improbabili formazioni guidate dai [[Gigi Simoni]] e dagli Héctor Cúper i vari Gresko, Macellari, Centofanti, Cirillo, Coco, Fresi, Wome. Ho pianto, come tutti, per l'unico 5 maggio che conta nella vita degli interisti: non quello cantato da Alessandro Manzoni, che chissenefrega, ma quello dei disastri di Gresko e Di Biagio. Era il 2002, l'anno di quel 5 maggio, e le ragioni del perché l'Inter perdeva (e perde) valevano ieri e valgono anche oggi: l'Inter non vinceva (e non vince) non per colpa degli arbitri o di [[Luciano Moggi]] o di [[Totò Riina]] o della P4 ma perché gli avversari, e in particolare la [[Juventus Football Club|Juventus]], segnavano e segnano di più, giocavano e giocano meglio, sbagliavano e sbagliano di meno. ([[Claudio Cerasa]])
2 182

contributi

Menu di navigazione