Differenze tra le versioni di "Blaise Cendrars"

Jump to navigation Jump to search
1 250 byte aggiunti ,  3 anni fa
+1 (destub), sistemo
m (Bot: migrazione automatica di 4 collegamenti interwiki a Wikidata: d:Q123080)
(+1 (destub), sistemo)
'''Blaise Cendrars''', pseudonimo di '''Frédéric Louis Sauser''' (1887 – 1961), scrittore e poeta svizzero.
 
*Il [[Cinema]] è un'invenzione formidabile! Ma se ha un'influenza su di me, è soprattutto per via deis uoi primi film, che erano sciocchi ma meravigliosi. È qui la vera scoperta, la novità: mi ricorderò sempre di un certo ''[[Viaggio nella Luna|Voyage dans la lune]]'', che si proiettava alcuni anni prima della guerra, dove c'erano dei tizi che si imbarcavano per la luna proprio in mezzo ai balletti dello Châtelet. E cosa trovano sulla luna? Un corpo di ballo! E via andare! Questo sì che era sconvolgente!<ref>Citato in Michele Canosa (a cura di), ''Cinéma, la creazione di un mondo'', Le Mani, Genova, 2001, p. 139.</ref>
*La [[critica]] d'[[arte]] è sciocca come l'[[esperanto]]. (da ''Cendrars'', a cura di Luciano Erbs, Nuova accademia editrice, 1965)
:''Le cinéma est une invention formidable! Mais s'il a une influence sur moi, c'est surtout par ses premiers films, qui étaient idiots mais merveilleux. C'est là qu'il y avait véritablement une découverte, quelque chose de nouveau: je me souviendrai toujours d'un certain Voyage dans la Lune l que l'on jouait quelques années avant la guerre; il y avait des bonshommes qui s'embarquaient pour la lune au milieu des ballets du Châtelet. Et qu'est-ce qu'ils trouvaient dans la lune ? Un corps de ballet. Et allez donc! Ça, c'était épatant!'' (da ''Les Cahiers du Mois'', 1925)
*[[Scrivere]] non è vivere. È forse sopravvivere a se stessi. (citato in Mario Lunetta, ''Poesia italiana oggi: un'antologia critica degli ultimi poeti'', Newton Compton editori, 1981)
*La [[critica]] d'[[arte]] è sciocca come l'[[esperanto]].<ref>Citato (dain ''Cendrars'', a cura di Luciano Erbs, Nuova accademia editrice, 1965).</ref>
*[[Scrivere]] non è vivere. È forse sopravvivere a se stessi. (citato<ref>Citato in Mario Lunetta, ''Poesia italiana oggi: un'antologia critica degli ultimi poeti'', Newton Compton editori, 1981).</ref>
 
==Note==
<references />
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w|commons=Category:Blaise Cendrars}}
 
{{DEFAULTSORT:Cendrars, Blaise}}
{{stub}}
[[Categoria:Scrittori svizzeri|Cendrars]]
14 388

contributi

Menu di navigazione