Valerio Magrelli: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
sistemo
(sposto senza fonte in discussione)
m (sistemo)
 
==Citazioni di Valerio Magrelli==
*Per me [[scrittura|fare]] un endecasillabo con parole inglesi ormai italianizzate, con titoli di film, cercare di far rimare [[Alba Parietti]] con insetti e limbo con status symbol è un modo per entrare e uscire dal solco della tradizione. (da ''Omero n. 5'', aprile 1994)
*Chi ha inventato le [[sei di sera|diciotto e trenta]]? Chi ha potuto concepire quest'ora mesta e letale? Da dove è sorto questo dosso del tempo, che rompe la giornata, la frattura, e la obbliga a rallentare, interrogandosi. (da ''Nel condominio di carne'')
*''[[Dio]] non è morto | è soltanto scaduto.'' (da ''Disturbi del sistema binario'')
*''Il nostro sonno, oggi, [[creatura|Esseri]] saràdoppi unpopolano compitoil in classe.mondo | Tema:sembra noiche torce.lo | Svolgimento: ognuno | coviraddoppino, dormendo, la sua fiamma, accesa | alin fuocorealtà mortolo del [[televisore]]dimezzano.'' (da ''11 settembre 2001'', ''la Repubblica'', 3 novembre 2001; ora in<ref>Da ''Disturbi del sistema binario'', Einaudi, Torino, 2006).</ref>
*''Il nostro sonno, oggi, | sarà un compito in classe. | Tema: noi torce. | Svolgimento: ognuno | covi, dormendo, la sua fiamma, accesa | al fuoco morto del [[televisore]].''<ref>Da ''11 settembre 2001'', ''la Repubblica'', 3 novembre 2001; ora in ''Disturbi del sistema binario'', Einaudi, Torino 2006.</ref>
*[[scrittura|Scrivere]], in genere, è nascondere. (da ''Ora serrata retinae'', Feltrinelli)
*Per me [[scrittura|fare]] un endecasillabo con parole inglesi ormai italianizzate, con titoli di film, cercare di far rimare [[Alba Parietti]] con insetti e limbo con status symbol è un modo per entrare e uscire dal solco della tradizione. (da<ref>Da ''Omero n. 5'', aprile 1994).</ref>
*''[[creatura|Esseri]] doppi popolano il mondo | sembra che lo raddoppino, | in realtà lo dimezzano.'' (da ''Disturbi del sistema binario'', Einaudi, Torino, 2006)
*[[scrittura|Scrivere]], in genere, è nascondere. (da<ref>Da ''Ora serrata retinae'', Feltrinelli).</ref>
 
==[[Incipit]] di ''Nel condominio di carne''==
Il mio [[passato]] è una malattia contratta nell'infanzia. Perciò ho deciso di capire come. Questo referto, dunque, non vuole essere un teatro anatomico, piuttosto un susseguirsi di fotogrammi, dove quello che conta è il flusso dell'immagine, il corpo sgusciante che vibra sotto di me, la sua forma mutante tra le forme: vasi sanguigni, conchiglie di molluschi, cellette d'api, snodi autostradali, pelvi di uccelli, cristalli e filettature aerodinamiche. Non c'è trama, ma trauma: un esercizio di patopatia. Non c'è teoria, ma racconto di piccole catastrofi, giocate dentro gli spazi interstellari della carne.
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==

Menu di navigazione