Differenze tra le versioni di "Eduardo Galeano"

Jump to navigation Jump to search
m
tag tt →‎ kbd
m (+wikilink)
m (tag tt →‎ kbd)
*Penso che la grande tragedia del [[XX secolo|secolo scorso]] sia stata il divorzio tra libertà e giustizia. Una parte del mondo ha sacrificato la libertà in nome della giustizia, e l'altra parte ha fatto l'opposto. La migliore eredità di [[Rosa Luxemburg|Rosa]] sta nell'idea che libertà e giustizia siano due fratelli siamesi. Ricucire quel legame rappresenta la grande sfida di questo nuovo secolo.<ref name=Triulzi>Dall'intervista di Sebastiano Triulzi su ''Repubblica'' del 29 gennaio 2012.</ref>
*Più che [[mangiare]], siamo mangiati dal cibo che ci impongono.<ref>Citato in [[Lorenzo Guadagnucci]], ''Restiamo animali'', Terre di mezzo, Milano, 2012, p. 15. ISBN 978-88-6189-224-8</ref>
*<ttkbd>[[Ricordare|RICORDARE]]</ttkbd>: Dal latino ''re-cordis'', ripassare dalle parti del cuore.<ref name=abbracci>Da ''Il libro degli abbracci'', traduzione di Gianfranco Ciabatti, Sansoni, 1992.</ref>
 
==''Parole in cammino''==
*Le cose sono padrone dei padroni delle cose e io non trovo il mio volto nello specchio. Parlo ciò che non dico. Sto, ma non sono. E salgo su un treno che mi porta dove non vado, in un paese esiliato da me. (''Finestra sulla nuca'')
*Veniamo da un uovo più piccolo di una testa di spillo, e viviamo su una pietra che gira intorno a una stella nana e che, contro questa stella, prima o poi, si scontrerà. Tuttavia, siamo stati fatti di luce, oltre che di carbonio, ossigeno, merda, morte e altre cose e, in fin dei conti, siamo qui da quando la bellezza dell'universo ha avuto bisogno di essere vista da qualcuno. (''Finestra sul volto'')
*Sul muro di un locale di [[Madrid]] c'è un cartello che dice: <ttkbd>È PROIBITO IL CANTO FLAMENCO</ttkbd>. Sul muro dell'aeroporto di Rio de Janeiro c'è un cartello che dice: <ttkbd>È PROIBITO GIOCARE CON I CARRELLI PORTAVALIGIE</ttkbd>. Il che vuol dire che c'è ancora gente che canta e c'è ancora gente che gioca. (''Finestra sulle proibizioni'')
*Lei è all'orizzonte. [...] Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Cammino per dieci passi e l'orizzonte si sposta di dieci passi più in là. Per quanto io cammini, non la raggiungerò mai. A cosa serve l'[[utopia]]? Serve proprio a questo: a camminare. (''Finestra sull'utopia'')
 
181

contributi

Menu di navigazione