Differenze tra le versioni di "Pietro Aretino"

Jump to navigation Jump to search
+3
(+3)
(+3)
 
===Citazioni===
*''Le temerarie imprese, i strani effetti, | i cuor bramosi, l'insaziabil menti | de' cavallieri erranti, i gran concetti, | le sorti, i paragon di tutte genti, | baron da mensa e campioni da letti, | di [[Carlo Magno]] e tutti i suoi parenti, | de' paladin da ver, di quei da ciance | canto l'armi, l'amor fra spade e lance.'' (canto I, 1; p. 5)
*''Falsi i poeti e l'istorici vani | di Troia e Tebe, di Sparta e Tesaglia | son presso a l'opra ov'io caccio le mani; | a dir de' paladin, se 'l ver mi vaglia, | son le buggie un abbaiar de cani. | Io in pace dirò piú che in battaglia, | de' cronichisti mendaci al dispetto, | de' paladin di Francia il vero schietto.'' (canto I, 3; p. 5)
*''I' non chiamo le Muse e manco Apollo | per non esser tenuto partigiano, | di ser [[Cupido]] son stracco e satollo, | Minerva è capricciosa e Marte è strano, | Giove è fallito e non può dar più un crollo: | l'ombra chiam'io di [[Tiresia]] tebano, | perché fu uomo e donna, putto e vecchio, | arcivide il futuro in uno specchio. || Te solo invoco, o Tiresia eccellente, | ch'avesti il naturale e la natura; | tu fusti a un tempo agente e paziente, | dicesti il vero a tutti a la sicura; | porgimi il tuo favore omnipotente, | ch'io canti il ver, senza dubbio o paura, | de' paladin, de' cavallieri erranti, | più ver che le menzogne de' furfanti.'' (canto I, 10-11; pp. 6-7)
*''D'amor, di fé, di cuor, di lingua schietto | fu Carlo Magno al mondo celebrato; | Carlo e Carlone insieme li fu detto | perch'era grande, grosso e ben formato; | di credulo e corrivo ebbe difetto | per creder troppo a Gano suo cognato; | del resto fu da ben più del bisogno, | tanto da ben ch'a dirlo mi vergogno.'' (canto I, 25; p. 9)
*''Saturno, antico dio, gran menchiatarro, | perduti i coglion suoi, perse ogni gioia; | poi nacque in mar del suo seme bizzarro | Vener, madre d'Amor, dea de la foia.'' (canto III, 1; p. 21)
*''Entrando nel gran sesso femminino, | de la donna esce l'uom, chiaro e 'vidente, | com'esce del fossato un granchiolino, | poi ci rientra più grande e possente. | La donna è detta in vulgare, in latino, | il vaso, il seme in parte de la gente; | la donna e l'uom son due in carne una: | co la natura il natural s'adduna.'' (canto III, 22; p. 24)
 
==''Dialogo nel quale la Nanna insegna alla Pippa''==

Menu di navigazione