Lettura: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
117 byte aggiunti ,  4 anni fa
+1
(Inserisco in voce tematica.)
(+1)
*– Io c'ho paura, Duccio.<br>– Ci sono passato pure io. Tutti a dirmi "fatti vedere, fatti vedere, parla con qualcuno", ma io ho trovato un modo per difendermi.<br>– Cioè?<br>– Semplice. Ho smesso di leggere. Non leggo più niente, ma niente eh! Libri, giornali, riviste, un cartello di pubblicità nella strada...<br>– Tu nun 'o leggi...<br>– Non lo leggo. Non leggo una mazza e sto benissimo. Dice "fatti vedere, parla con qualcuno", io non parlo proprio con nessuno, io mi faccio i cazzi miei. Biascica, dai retta a me, chiuditi a riccio, non leggere più niente e ti passa tutto!<br>– Manco il ''Corriere dello Sport'' posso legge?<br>– Niente! Tabula rasa. Chiuditi a riccio! (''[[Boris (seconda stagione)|Boris]]'')
*Io leggo assai poco, soprattutto perché sono così diffidente che non credo a una parola di quello che dicono i giornali. ([[Rex Stout]])
*''Io sono un pazzo che legge, un pazzo fuorilegge, | fuori dal gregge, che scrive: "Scemo chi legge".'' ([[Ghali]])
*L'arte di non leggere è molto importante. Essa consiste nel non prendere in mano quello che di volta in volta il vasto pubblico sta leggendo, come per esempio libelli politici e letterari, romanzi, poesie e simili cose, che fanno chiasso appunto in quel dato momento e raggiungono perfino parecchie edizioni nel loro primo e ultimo anno di vita. Pretendere che un individuo ritenga tutto quanto ha letto è come esigere che porti ancora dentro di sé tutto quanto ha mangiato. ([[Arthur Schopenhauer]])
*L'uomo che sa leggere parla cogli assenti, e si mantiene in vita gli estinti. Egli è in comunicazione con l'universo – non conosce la noia – viaggia – s'illude. Ma chi legge e non sa scrivere è un muto. ([[Carlo Dossi]])

Menu di navigazione