Differenze tra le versioni di "Eduardo De Filippo"

Jump to navigation Jump to search
m
sistemo
m (sistemo)
*Voi sapete che io ho la nomina (non di senatore, per carità) che sono un orso, ho un carattere spinoso, che sfuggo… sono sfuggente. Non è vero. Se io non fossi stato sfuggente, se non fossi stato un orso, se non fossi stato uno che si mette da parte, non avrei potuto scrivere cinquantacinque commedie.<ref>Dall'ultimo discorso pubblico al Teatro di Taormina; citato in ''[http://www.taormina-arte.com/2006/storia/indexanno.asp?idanno=1984 Taormina Arte 1984]''.</ref>
 
{{NDRInt|Dall'intervista di Claudio Donat-Cattin|Nel programma televisivo ''Eduardo, l'arte di invecchiare'' (1984), Rai Storia, 24 maggio 2011.}}
{{Intestazione|Intervista di Claudio Donat-Cattin}}
*Quand'ero piccolo amavo i [[Senilità|vecchi]], poi a un'età giovanile, non so, frequentavo i vecchi e non i giovani. Perché dai vecchi io apprendevo la saggezza, apprendevo e stavo a sentire quello che mi dicevano. E in quell'epoca i vecchi erano più altruisti. Mi ricordo un particolare: non vedevo l'ora di diventare vecchio.
*Con la tecnica non si fa il [[teatro]]. Si fa il teatro se si ha fantasia.
*In qualunque mestiere, in qualunque professione è bene tenere conto di questo: chi [[Lavoro|lavora]] egoisticamente non arriva a niente. Chi lavora altruisticamente se lo ritrova, il lavoro fatto.
 
=='''O penziero''==
{{NDR|''Eduardo, l'arte di invecchiare'' (1984), Rai Storia, 24 maggio 2011}}
*''Ncopp'a stu munno | n'ata padrona | nun 'a potevo | peggio truvà.'' (da ''La canzone della serva'')
*<nowiki>'</nowiki>''E [[denaro|denare]] vanno e vénneno | quanno ll'ommo vene e va, | quanno tene 'o pparlà facile | e se sape presentà…'' (da '''E denare'')
*''Peggio pe' chi | sti panne | l'ha stracciate, | sapenno ca chi straccia nu vestito | can nun l'ha pavato, | è sempe uno ca straccia | 'a rrobb'<nowiki>'</nowiki>e ll'ate!'' (da ''Sta pella'')
*''E si 'a [[salute]] cresce | e si tu crisce | crisce pecché | stu vverde | cresce e pascia.'' (da '''A zappa'')
 
==[[Incipit]] di alcune opere==
'''Concetta''' — Pìgliate 'o cafè.<br>
{{NDR|citato in [[Fruttero & Lucentini]], ''Íncipit'', Mondadori, 1993}}
 
=='''O penziero''==
*''Ncopp'a stu munno | n'ata padrona | nun 'a potevo | peggio truvà.'' (da ''La canzone della serva'')
*<nowiki>'</nowiki>''E [[denaro|denare]] vanno e vénneno | quanno ll'ommo vene e va, | quanno tene 'o pparlà facile | e se sape presentà…'' (da '''E denare'')
*''Peggio pe' chi | sti panne | l'ha stracciate, | sapenno ca chi straccia nu vestito | can nun l'ha pavato, | è sempe uno ca straccia | 'a rrobb'<nowiki>'</nowiki>e ll'ate!'' (da ''Sta pella'')
*''E si 'a [[salute]] cresce | e si tu crisce | crisce pecché | stu vverde | cresce e pascia.'' (da '''A zappa'')
 
==Citazioni su Eduardo De Filippo==

Menu di navigazione