Differenze tra le versioni di "Massimiliano Parente"

Jump to navigation Jump to search
(Annullata la modifica 921065 di Porfirij (discussione) http://www.ilgiornale.it/news/penne-spezzate.html io leggo redazione, come facciamo a capire che sia stato massimiliano parente a scriverlo?)
Etichetta: Annulla
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
*Questa retorica della dipendenza non la sopporto: qualsiasi cosa bella dà dipendenza. Se non dà dipendenza, non vale la pena di farla. Inoltre la vita è fondata sulla dipendenza, siamo praticamente dipendenti da tutto: dall'ossigeno e dall'azoto che respiriamo, dal cibo che mangiamo, dall'orinare e dal defecare, e quando va male, cioè alla maggior parte, si è dipendenti dal lavoro, i quali lavoratori se non sono autonomi vengono chiamati proprio così, dipendenti.<ref name=alc/>
*Se dovessimo trovare un centro filosofico comune della letteratura americana dell'ultimo mezzo secolo, sarebbe senz'altro l'impatto dell'entropia con la società capitalistica. Ossia il contrasto tra un mondo di consumi e felicità promessa con la seconda legge della termodinamica, la tendenza naturale di ogni cosa verso il caos, la presa di coscienza della caduta di ogni credibilità metafisica al cospetto di una modernità che promette tutto tranne una cosa: la fine del decadimento, la salvezza dalla morte. Unica speranza di vita eterna la scienza: ma chissà quando. E così dal minimalismo tragico di [[Raymond Carver]] al rumore bianco di [[Don DeLillo]], dall'everyman di [[Philip Roth]] (e tutti gli Zuckerman) al Frank Bascombe della trilogia di Richard Ford (ultimo volume dal titolo emblematico: Lo stato delle cose), la visione è sempre quella di un individuo schiacciato dalla quotidianità e dal lento deteriorarsi del fisico e di ogni idea di felicità possibile.<ref>Da ''[http://www.ilgiornale.it/news/spettacoli/coniglio-perde-pelo-non-vizio-vivere-1402172.html "Coniglio" perde il pelo ma non il vizio di vivere]'', ''ilGiornale.it'', 26 maggio 2017.</ref>
*Se volete salvarvi dall’amore di chi vi ucciderà, fatevi odiare da chiunque.<ref>Da un [https://www.facebook.com/contronatura/posts/1959803370710274 post] della pagina ufficiale ''Facebook.com'', 27 aprile 2018.</ref>
*{{NDR|«Quali sono gli scrittori a cui ti ispiri? Quali tra gli scrittori contemporanei a cui ti senti vicino?»}} Tra tutti, sicuramente, [[Marcel Proust]], anche per la portata epistemologica della sua opera, che per me è fondamentale. Uno scrittore la cui opera non sia anche importante dal punto di vista della percezione della realtà, e dunque non studi anche la scienza, è solo un narratore, quindi poca cosa. E poi [[Giacomo Leopardi]], come pensatore, e [[Samuel Beckett]], quello della trilogia e anche il più estremo. Sempre stato poco attratto invece da [[James Joyce|Joyce]]. Tra i contemporanei ha avuto importanza quando avevo vent'anni [[Aldo Busi]], con il quale avevo un rapporto epistolare, che talvolta continua tutt'oggi pur con molte, spesso troppe differenze di visione, e al quale imputo lo stesso difetto di provincialismo che vedo in altri, seppure il suo contributo sulla letteratura italiana sia tra i più rilevanti, ma non si può fare letteratura di sola lingua. Oltre a Busi anche [[Alberto Arbasino]], anche qui con le opportune riserve, non tanto dovute alla sua opera ma a ciò che di essa è inconciliabile con la mia. Avere dei riferimenti non significa sentirsene a proprio agio. Ci sono poi molti americani, da Richard Ford a [[David Foster Wallace]], un austriaco, [[Thomas Bernhard]], e anche autori francesi poco noti in Italia come Hervé Guibert. E moltissimi scienziati che reputo importanti anche come scrittori, benché in senso lato, come Stephen Pinker. Tuttavia non ho mai aderito completamente a nessuno scrittore, se così fosse stato non avrei mai scritto. A parte Proust, per le estreme conseguenze a cui porta la Recherche ne Il tempo ritrovato. Ogni aspirante scrittore dovrebbe leggere la Recherche almeno cinque volte, e comprenderla, altrimenti è un analfabeta.<ref>Da ''[http://www.zestletteraturasostenibile.com/intervista-massimiliano-parente-collaborazione-crapula-club/ Intervista a Massimiliano Parente | in collaborazione con CrapulaClub]'' di Antonio Santopietro, ''Zestletteraturasostenibile.com''.</ref>
*Tutti sono contenti di fare figli e procreare ma in realtà fanno ciò che fa ogni animale, dalla cellula all'uomo, dal passerotto che fa il nido fino alla formica che fa il formicaio, e non mi sembra una cosa intellettivamente molto elevata, ma animalesca, appunto. Uno può replicare che questa è la natura, ma anche l'istinto alla violenza è natura, l'istinto alla guerra è natura e normalmente l'uomo è la negazione della natura. La [[natura]] stessa è una cosa devastante, è una lotta dove vince il più forte, chi si sa adattare. E io, rispetto a questa dimensione così tragica dell'esistenza, non riesco a pormi in maniera ipocrita, non accetto la finzione sociale. Sono contro la procreazione perché provo rabbia verso l'illogicità dell'esistenza.<ref name=morenopisto>Citato in Moreno Pisto, ''[http://www.writeandrollsociety.com/massimiliano-parente/ Massimiliano Parente]'', ''Writeandrollsociety.com''.</ref>
Utente anonimo

Menu di navigazione