Differenze tra le versioni di "André Gide"

Jump to navigation Jump to search
m
nessun oggetto della modifica
(fonti in nota, +1 da François Mauriac)
m
==Citazioni di André Gide==
*Benché sposi un punto di vista imparziale, il punto di vista del vero naturalista, M. Proust fa del vizio un ritratto più biasimevole di ogni invettiva. Bolla a fuoco ciò di cui egli parla e rende servizio ai buoni costumi più efficacemente di quanto possano fare i più stringenti trattati di morale. Egli ammette che certi casi di omosessualità siano guaribili. Se qualcosa può guarire un invertito è proprio la lettura di queste pagine dove attingerà il sentimento della sua propria riprovazione infinitamente più importante della riprovazione dell'autore.<ref>Dalla lettera a Proust del 3 maggio 1921, fingendo di recensire ''Swann''; citato in Alessandro Piperno, ''Alla recherche di Proust'', in ''Il secolo gay'', ''Diario del mese'', gennaio 2006, p. 41.</ref>
*Certo, non c'è niente di più sincero di queste pagine.<ref>Si riferivaRiferito a un foglio di diario di [[François Mauriac|Mauriac]] apparso nella N.R.F., numero di quel giugno.</ref> Ma è appunto ciò a renderle spaventose: che tali tormenti, lotte, conflitti gratuiti, chimerici, possano diventare, per un credente, un'angoscia reale: che, con l'accento della verità, compianga noi di non conoscerla più, quell'angoscia, di esserle sfuggiti, di vivere felici!....<ref>Da ''Journal'', 4 giugno 1931; citato in Roberto Cantini, introduzione a François Mauriac, ''Gli angeli neri'', , Mondadori, 1973.</ref>
*Ciò che sfugge alla [[logica]] è quanto v'è di più prezioso in noi stessi.<ref name=Diario/>
*Famiglie! Vi odio! Focolari chiusi; porte serrate; geloso possesso della [[felicità]].<ref>Da ''I nutrimenti terrestri''.</ref>

Menu di navigazione