Differenze tra le versioni di "Richard Nixon"

Jump to navigation Jump to search
*Fino al settembre 1974 l'[[Impero d'Etiopia|Etiopia]] era un sicuro amico dell'Occidente. Sotto il dominio di [[Haile Selassie|Hailé Selassié]] il paese era da tempo uno dei più stretti alleati dell'America nell'Africa nera. Ma da anni i russi osservavano con interesse come i loro alleati cubani e altri avessero alimentato un movimento secessionista armato in Eritrea: la provincia dell'Etiopia strategicamente situata a nordest, sul Mar Rosso, di fronte all'Arabia Saudita.<br>Poi, sulla scia di una gravissima carestia, nel 1974, i militari rovesciarono Selassié. Un gruppo radicale in seno all'esercito affermò il proprio predominio nell'ambito del governo rivoluzionario. I nuovi governanti ruppero i legami con l'Occidente e ne allacciarono con l'Europa dell'Est. (p. 37)
*[[Menghistu Hailè Mariàm|Menghistu]] non ha limitato le sue cure all'Etiopia. Sono stati violati i confini del Sudan e questo paese ha dovuto assorbire più di trecentomila etiopi fuggiti dal "terrore rosso" di Menghistu. Un nuovo seme di fermento è stato piantato in terra africana e alimentato da Mosca. (p. 38)
*Ora che il colonialismo europeo è scomparso, l'imperialismo sovietico si muove a sostituirlo. Le nuove nazioni africane sono particolarmente allettanti, perché detengono le materie prime vitali per una moderna società industriale, e sono particolarmente vulnerabili a causa della loro instabilità e delle priorità sostenute da tanti loro capi. (p. 39)
*L'URSS agisce di rado senza uno scopo, e i suoi scopi sono sempre strategici, mai morali. Quindi i suoi insistenti tentativi di agitare ulteriormente le acque già torbide dell'Africa australe vanno considerati nello stesso scenario delle risorse in quella parte del mondo e dell'importanza di tali risorse per l'Occidente. (p. 41)
 
==Citazioni su Richard Nixon==
21 407

contributi

Menu di navigazione