Differenze tra le versioni di "Richard Nixon"

Jump to navigation Jump to search
1 753 byte aggiunti ,  3 anni fa
*Nel nostro secolo [[Stalin]] ha personificato l'eredità zarista della Russia. La dinastia che rappresentava era un partito, non una famiglia, ma come i "grandi" zar prima di lui, estese il dominio russo su nuovi territori. (p. 68)
*Come Ivan il Terribile, Stalin creò una polizia segreta personale e usò il terrore come strumento fondamentale di politica di Stato. Come Pietro il Grande, apprezzò il valore della tecnologia occidentale per formare una moderna macchina bellica. E come Pietro, cementò il potere sul popolo con il sistema dei passaporti interni. (p. 68)
*L'insuccesso più pesante della storia fu di non avere impedito a Lenin di prendere il potere in Russia nel 1917. Tale insuccesso è stato una tragedia per il popolo russo e per il mondo. Molto prima che cadesse l'ultimo zar le forze riformistiche liberali erano attivamente al lavoro e la Russia cominciava ad assimilare dall'Occidente qualcosa di più della tecnologia militare. Se il processo non fosse stato interrotto e dirottato, la Russia, come il Giappone, sarebbe potuta diventare una parte libera e fiorente del mondo occidentale. (p. 70)
*I bolscevichi di Lenin abbandonarono il meglio della Russia e abbracciarono il peggio. Liberalizzazione, fragile neodemocrazia, nuovo fervore culturale, disponibilità a imparare dal mondo, tutto fu gettato a mare. I capi comunisti riesumarono il terrorismo di Ivan il Terribile, il dispotismo di Pietro, il crudele espansionismo di Caterina per creare la loro nuova società. Sradicarono tutti i cambiamenti liberali intervenuti nel secolo fra l'invasione napoleonica e la Prima Guerra Mondiale, facendo arretrare la popolazione di cent'anni e più. (p. 72)
*Dopo la Seconda Guerra Mondiale milioni di ex prigionieri di guerra furono spediti nei campi di lavori forzati perché avevano visto l'Occidente. Stalin, buon coniscitore della storia russa, non voleva correre rischi inutili. Sapeva che i suoi più grandi nemici erano gli stessi contro i quali avevano combattuto gli zar - gli eserciti e le idee occidentali - ed era deciso tanto a escludere le idee quanto a sconfiggere gli eserciti. (pp. 73-74)
*In guerra e in pace stragi spietate sono state elemento onnipresente della pratica russa. Capacità di sopportare sofferenze possono insieme rendere una nazione ambiziosa e minacciosa. (p. 74)
 
==Citazioni su Richard Nixon==
21 159

contributi

Menu di navigazione