Modifiche

Jump to navigation Jump to search
*Essendo figlio di un capo della grande tribù nigeriana dei pastori fulani, [[Ahmadou Ahidjo|Ahidjo]] è un estraneo nel Camerun, dominato dal gruppo etnico dei bantu meridionali. Ma dietro Ahidjo c'è Parigi e questo ha il suo peso. (p. 38)
*La Francia ha scelto come capi delle sue ''client-countries'' africane dei politici non solo leali nei confronti di Parigi, ma anche umanamente insignificanti e incapaci di un'opinione personale. (p. 39)
*[[Fulbert Youlou|Youlou]], piccola di statura, indossa sempre una sottana da gesuita sebbene non sia mai appartenuto a quest'ordine ma sia stato un semplice prete, peraltro ormai espulso dalla Chiesa per via delle sue propensioni gallanti. Sull'indice della mano destra Youlou porta un mostruoso anello, copia ingrandita dell'anello pontificale. (p. 39)
*{{NDR|Su [[Léopold Sédar Senghor]]}} A suo avviso l'Africa rappresenta innanzitutto una comunità culturale, da lui definita con il termine di ''africanité'', la cui principale caratteristica è la ''passion dans les sentiments''. Oltre a questa comunanza culturale, la base dell'unità africana è ''notre situation commune de pays sous développés''. L'unità appare indispensabile alla realizzazione di uno sviluppo economico che restituisca all'Africa quella piena dignità umana negata e mutilata dal colonialismo. (p. 40)
*[[Cyrille Adoula|Adoula]] è un tipo strano: non guarda in faccia nessuno, tiene sempre gli occhi fissi sul piano del tavolo o sul pavimento e non sorride mai. Kasavubu è l'esatto contrario: un grassone gioviale e soddisfatto, con stampato in faccia un enigmatico sorrisetto. (p. 41)
 
==''Shah-in-Shah''==
11 200

contributi

Menu di navigazione