Giuseppe Rovani: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
(immagine)
 
==Citazioni di Giuseppe Rovani==
*[[Francesco Hayez|Hayez]] segna nientemeno che la linea di divisione che separa la scuola antica dalla moderna. Con Sabatelli e con Palagi finisce quella scuola che, per consuetudine, si chiamò classica; con Hayez invece comincia quell'altra scuola che, col più arbitrario dei vocaboli. si chiamò romantica.<ref>da ''Le tre arti considerate in alcuni illustri italiani contemporanei'', p. 127.</ref>
*Siamo sinceri, ma in dodici milioni d'uomini a cui può salire il regno unito, tra Piemonte e Lombardia e Ducati e Toscanae Legazioni forse non si trovano sei uomini della poderosa efficacia di [[Carlo Cattaneo|Cattaneo]]; or la sua patria offrirebbe lo scadolo indecoroso di declinare la candidatura, perché è stato federalista? perché sommosse la storia contemporanea con severissimo sindacato, e con critica terribile degli uomini e delle cose? Ma il parlamento ha forse bisogno d'adulatori e di cerimonieri e di coristi?<ref>Dada ''Delle elezioni a proposito di Carlo Cattaneo'', ''Gazzetta di Milano'', 8 marzo 1860; ripubblicato in Franco Contorbia (a cura di), ''Giornalismo Italiano'', ''Volume primo 1860-1901'', ''I meridiani'', Arnoldo Mondadori Editore, Milano 2007, p. 13.</ref>
 
==''Storia delle lettere e delle arti in Italia''==
33 948

contributi

Menu di navigazione