Fernanda Romagnoli: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
 
*''Poi ti raggiungerò | là dove – abbandonata | la via terrestre, simile | a rotaia in disuso – | s'incammina lo spirito, esitante, | confuso ancora al grido, ancora all'orlo | della sua cieca vibrazione umana. | Io ti raggiungerò | dove tu "Sono qui!" | balenerai, che ancora dalla fascia | del buio mi districo. | "Qui dove" – nell'angoscia | di troppa luce, nessuno distinguendo – | ti griderò. Ma già saremo Uno.'' (da ''Poi'')
 
*''Fu pura diserzione. | Silenziosa vedetta mi scortava | all’estuario del tempo. | Lo spazio si sfilava dai miei piedi, | mal cucito sudario. | Non v’era qui altro metro che l’eterno. | Non v’era riva fuor che lo splendore''. (da ''Libertà'')
 
*''Lungamente in me fissa mi dilato, | la mia fronte diviene continente, | il timpano un Frejus: | per ogni arteria della dolce terra | s'aduna in me la schiera degli addii.'' (da ''Se al risveglio'')
 
*''Fruscio di foglie sulla terra nera, | in fila dietro il piffero d’un vento, | lacere, scalze, illuse | d’essere ricondotte a primavera. | Senti nel buio il trepido colloquio | cieco, il sussurro per farsi coraggio. | – Da loro impara, anima, | se indietro sogni torcere il tuo viaggio. – | Ah, tradite nell’alba al soliloquio | del primo uccello! Sbaragliate al puro | chiarore! Senza voce, illividite, | fucilate dal sole a piè di un muro.'' (da ''Esecuzione'')
 
==Citazioni su Fernanda Romagnoli==
Utente anonimo

Menu di navigazione