Differenze tra le versioni di "Abd al-Salam Arif"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
*Con il fidato aiuto dei fedeli figli del popolo e delle forze armate nazionali, abbiamo deciso di liberare l'amata patria dalla banda di corrotti installati dall'imperialismo. Fratelli, l'esercito è del popolo e per il popolo, e ha realizzato ciò che voi desideravate [...] è vostro dovere sostenerlo nella distruzione che si sta abbattendo sul Palazzo Rihab e sulla casa di Nusri al-Said. Solo proteggendolo dai complotti dell'imperialismo e dei suoi burattini la vittoria potrà essere completata. (da una dichiarazione radiofonica dopo la [[Rivoluzione del 14 luglio]])<ref>Citato in T. Ali, ''Bush in Babilonia. La ricolonizzazione dell'Iraq'', traduzione di F. Minutiello, Fazi Editore, 2005, p. 65, ISBN 8881125943</ref>
*La unificazione {{NDR|con la [[Repubblica Araba Unita|RAU]]}} è garanzia dell'indipendenza dell'Irak.<ref>Citato in Augusto Pancaldi, ''[https://archivio.unita.news/assets/main/1958/07/25/page_008.pdf Il generale Abdul Karim Kassem preannuncia una nuova Costituzione e importanti riforme]'', ''L'Unità'', 25 luglio 1958</ref>
*L'affetto e la fratellanza che mi legano a [[Gamal Abdel Nasser|Nasser]] permetteranno di proteggere l'unità araba. All'unità si oppongono i comunisti e gli imperialisti. Tutti i governi arabi hanno il dovere di risolvere le loro divergenze e di fare concessioni per la realizzazione dell'unità.<ref>Citato in Augusto Pancaldi, ''[https://archivio.unita.news/assets/main/1963/08/22/page_012.pdf Ricorrono all'ONU Siria e Israele]'', ''L'Unità'', 22 agosto 1963</ref>
 
==Note==
==Altri progetti==
{{interprogetto}}
{{s}}
{{DEFAULTSORT:Arif, Abd al-Salam}}
[[Categoria:Politici iracheni]]
20 243

contributi

Menu di navigazione