Modifiche

Jump to navigation Jump to search
*Gli yoruba, boriosi e sempre pronti alla rissa, trattano con palese antipatia tutte le altre tribù. Hanno i più begli abiti e le più belle donne di tutta la Nigeria. Sono molto tradizionali e nello stesso tempo molto borghesi. Sostanzialmente scansafatiche, credono fermamente nella possibilità di fare soldi dal nulla e, soprattutto, di farli senza lavorare. (p. 156)
*Oggi la Nigeria possiede la borghesia più sviluppata di tutto il continente; una borghesia che, come quella francese degli inizi del XIX secolo, è fortemente pervasa di elementi feudali e di aspirazioni aristocratiche. In nessun'altra parte dell'Africa si può trovare un paese così snobisticamente aspirante al riconoscimento aristocratico. (p. 157)
*{{NDR|Su [[Ahmadu Bello]]}} Questo personaggio domina tutta la recente storia della Nigeria. Era un uomo alto e corpulento, dal modo di fare autoritario, imperiale. La prima cosa che colpiva nel suo comportamento era l'estrema sicurezza di sé. Era privo di dubbi e di complessi: per lui in politica non esistevano cose impossibili, non esisteva l'opinione altrui, non esistevano nemici. Governava il Nord con il terrore e il Sud con la corruzione. Disprezzava la gente del Sud ritenendo che dei politici di quella regione si potesse fare quello che si voleva purché si permettesse loro di rubare, teoria che metteva in pratica con immancabile successo. Il Sud era più sensibile del Nord al denaro: i politici nigeriani corrotti erano gente del Sud. (p. 170)
*Il Sardauna {{NDR|[[Abubakar Tafawa Balewa]]}} era un fanatico musulmano con grandi ambizioni panislamiche. [...] Quest'uomo dinamico e pieno di energia dedicava gran parte del suo tempo a convertire all'islamismo gli infedeli. Affermava di averne convertiti trecentocinquantamila e prometteva di convertire l'intera popolazione della Nigeria. (p. 171)
*Per l'Occidente la caduta di Balewa rappresenta una grossa perdita in Africa. Grazie alla sua posizione di grande potenza la Nigeria di Balewa era la forza attiva e trainante della destra africana. (p. 172)
 
==''Shah-in-Shah''==
11 184

contributi

Menu di navigazione