Differenze tra le versioni di "Max Horkheimer"

Jump to navigation Jump to search
→‎Eclisse della ragione: altra sul neotomismo
(wlink neotomismo)
(→‎Eclisse della ragione: altra sul neotomismo)
*La storia dello sforzo dell'uomo per soggiogare la natura è anche la storia del soggiogamento dell'uomo da parte dell'uomo.
*[...] mentre il [[tomismo]] originario poté conseguire lo scopo di adattare il cristianesimo alla scienza e alla politica contemporanee, il [[neotomismo]] si trova in una posizione precaria. Dato che nel medioevo lo sfruttamento della natura dipendeva da un'economia relativamente statica, in quel tempo la scienza era statica e dogmatica; i suoi rapporti con la teologia dogmatica potevano essere abbastanza pacifici, e per il tomismo fu facile assorbire l'aristotelismo. Ma un'armonia del genere è impossibile oggi, e nell'usare categorie come quelle di causa, effetto, anima, entità, i neotomisti devono necessariamente farli in modo acritico; mentre per l'[[Tommaso d'Aquino|Aquinate]] queste idee metafisiche rappresentavano il sommo della conoscenza scientifica, la loro funzione nella cultura moderna è completamente diversa. (cap. 2, p. 59)
*Quanto più il neotomismo si chiude entro l'ambito dei concetti spirituali, tanto più esso diventa il servo di interessi mondani. In politica si può invocarlo a giustificazione di imprese di ogni genere, nella vita quotidiana è una medicina sempre a portata di mano. (cap. 2, p. 63)
*Oggetto del riso non è più la moltitudine ansiosa di conformismo ma l'[[eccentricità|eccentrico]] che ancora osa pensare con la testa sua.
*Venute meno le basi filosofiche della democrazia, l'affermazione che la dittatura è un male è razionalmente valida solo per coloro che non ne beneficiano, e nessun ostacolo teorico impedisce di dichiarare vero l'opposto.
25 977

contributi

Menu di navigazione