Tamerice

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Tamerice (Tamarix articulata).

Citazioni sulla tamerice.

  • E il solito Goethe aggrava ancora la situazione: "Conosci tu il paese dove fioriscono i limoni?". Già: chi sa qualcosa di preciso? Comincia il paesaggio a confondere le idee: i sicomori, come nel Sudan, e il papiro, come in Egitto, e poi le palme e i cactus che evocano il deserto, e il poeta russo Andrej Belyj resta sconvolto dallo stridore delle cicale e dal tripudio dei colori: il giallo dello sparto, il rosa del rododendro e dei grappoli di tamerici e il verde dei carrubi. (Enzo Biagi)
  • Muse di Sicilia, solleviamo il tono del canto: | non tutti amano gli arbusti, le umili tamerici; | se cantiamo le selve, siano le selve da console.
Sicelides Musae, paulo maiora canamus | non omnes arbusta iuvant humilesque myricae; | si canimus silvas, silvae sint consule dignae. (Virgilio)
  • Scendea tra gli olmi il sole | in fascie polverose; | erano in ciel due sole | nuvole, tenui, róse: | due bianche spennellate | in tutto il ciel turchino. | Siepi di melograno, | fratte di tamerice, | il palpito lontano | d'una trebbïatrice, | l'angelus argentino... (Giovanni Pascoli)
  • Taci. Su le soglie | del bosco non odo | parole che dici | umane; ma odo | parole più nuove | che parlano gocciole e foglie | lontane. | Ascolta. Piove | dalle nuvole sparse. | Piove su le tamerici | salmastre ed arse, | piove sui pini | scagliosi ed irti, | piove sui mirti | divini, | su le ginestre fulgenti | di fiori accolti, | su i ginepri folti | di coccole aulenti... (Gabriele D'Annunzio)
  • Tamariso. || I t'ha piantào | dei árzini a difesa | nel palù desolào | là che la vita pesa. || E tu nel griso de la crèa | t'ha messo le radise, | anch'ele grise, | a fior d'ogni marea. || Sensa color el fior, | comò povera zente | che no' val proprio gnente, | massa lisiero el bon odor. || Solo, murtificào, | tu difindi le mote | árzini de le rote | contro del mar rabiào. || E tu virdisi | umile e solo | per tanti lunghi misi | a cielo ciaro o soto 'l nuòlo.
Tamerice. || Ti hanno piantato | a difesa di argini | nel paludo desolato | là che la vita pesa. || E tu nel grigio della creta | hai messo le radici, | anche quelle grigie, | a fiore d'ogni marea. || Senza colore il fiore, | come povera gente | che non vale proprio niente, | troppo leggero il profumo. || Solo, mortificato, | tu difendi gli isolotti | gli argini delle rotte | contro il mare arrabbiato. || E tu verdeggi | umile e solo | per tanti lunghi mesi, | a cielo chiaro o sotto il nuvolo. (Biagio Marin)

Altri progetti[modifica]