The Punisher (film 2004)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

The Punisher

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Punisher

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America, Germania
Anno 2004
Genere Azione, supereroi
Regia Jonathan Hensleigh
Soggetto Michael France e Jonathan Hensleigh
Sceneggiatura Michael France e Jonathan Hensleigh
Produttore Avi Arad, Gale Anne Hurd
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Punisher, film tedesco-statunitense del 2004 con John Travolta, regia di Jonathan Hensleigh.

Frasi[modifica]

  • Numero uno. Lascio la presente come dichiarazione di intenti, così nessuno si confonderà. Uno. Si vis pacem, para bellum. È latino. Al campo il sergente ce lo faceva recitare come una preghiera. Si vis pacem, para bellum. Se vuoi la pace, prepara la guerra. Numero due. Frank Castle è morto. È morto con la sua famiglia. Numero tre. In alcune situazioni estreme, la legge è inadeguata. Per porre rimedio alla sua inadeguatezza, è necessario agire al di fuori della legge. Per ottenere... La giustizia naturale. Questa non è una vendetta. La vendetta non è un motivo valido, è una risposta emotiva. No, non vendetta... Punizione. (Frank Castle)
  • Non farti uccidere dai ricordi. (Joan)
  • Arrabbiato? Questa è la parola? Sai, io mi arrabbiavo quando avevo una ruota sgonfia, quando perdevo un aereo... Mi arrabbiavo da matti quando gli Yankees vincevano. Se quello mi faceva arrabbiare, questo come mi fa sentire? Se conoscete la parola ditemela, perché io non la so. (Frank Castle)
  • Io sto bene. Lui sta li! (Frank Castle)
  • Sto bruciando un po' del tuo grasso, Mike! (Frank Castle)
  • [Ultime parole] Sei uno squinternato figlio di puttana... Un coltello contro una pistola. (Harry Heck)
  • En mi vida però... mai ho visto piovere banconote da 100 dollari, Howard! (Uno dei Fratelli Toro)

Dialoghi[modifica]

  • Joan: Te ne vai?
    Frank Castle: Sì, ho molto lavoro... Leggi bene i giornali e te ne accorgerai.
    Joan: Quale sezione?
    Frank Castle: Sempre i necrologi.
  • Joan: Li uccidi tutti e poi... cosa ti rende diverso da loro?
    Frank Castle: Loro hanno qualcosa da perdere.
  • Howard Saint: Sei andata allo spettacolo delle 8 giovedì scorso?
    Livia Saint: Sì!
    Howard Saint: E alle 9 hai chiamato Quentin dalla tua macchina? Dev'essere stato un film breve...
    Livia Saint: Oh andiamo Howard... dev'esserci una spiegazione!
    Howard Saint: Oh già la so, te lo scopi! Stai scopando con il mio migliore amico!
    Livia Saint: La cosa la vedo un po' difficile Howard!
    Howard Saint: Oh ci credo... Io ci credo... pensaci da sola a pagare le tue multe del cazzo!
    Livia Saint: Howard... pensavi che noi?? Howard... Quentin era gay!
    Howard Saint: Certo inventane un altra! [E la colpisce con uno schiaffo a mano rovescia]
  • Howard Saint: Guarda questa pietra, guardala! Dalle un occhiata... Te l'ho data quando non avevo niente, in cambio ti ho chiesto solo di essere leale.
    Livia Saint: Sono sempre stata leale con te, dici parole senza senso!
    Howard Saint: Vuoi una cosa sensata? Ecco guarda questo [e le mostra uno dei 2 orecchini che lui stesso le aveva regalato] l'ho trovato nel letto di Quentin, è abbastanza sensato eh? Eh?
    Livia Saint :No!
    Howard Saint: No? [La bacia] ... Per me neanche! [e butta la moglie giù da un ponte che sta sopra ai binari del treno]
  • Howard Saint: Ricordi questo sobborgo? Little Cuba? La volta che ti ho visto è stato qui.
    Livia Saint: Howard...
    Howard Saint: Solo che... Questo posto era più pittoresco... Ora è un troiaio, ti sentirai a casa!
  • Howard Saint: Perché è ancora vivo? Questa è una domanda interessante! Magari è ancora vivo perché doveva soffrire di più, non lo so! Ma come possiamo farlo soffrire se non lo troviamo?
    Quentin: Ci sta sfidando!
    Howard Saint: No, no! È che ha perso la sua famiglia e vuole farsi uccidere! Ci sta chiedendo aiuto quindi perché non lo aiutiamo!
  • Mike: Joan apri questa maledetta porta cosi ti spiego come hai ferito i miei fottuti sentimenti!
    Dave: Eh... Ciccio, guarda che è notte fonda!
    Mike :Ah si? Alle Hawaii è ancora giorno!
    Bumpo: Basta fare casino, sloggia!
    Mike: Fuori dai piedi chiappe sudate!
    Dave: Allora chiamo gli sbirri!
    Mike: Ah si? Vuoi chiamare gli sbirri? E chiamali! Avanti chiamali! Chiamali! Chiamali! Chiamali! [il tutto schiaffeggiando Dave]
    Frank Castle: Hey?... Vattene!
    Mike: Cosa? Cosa Cosa Cosa? Credi che Mike abbia perso l'abilità col coltello? E la velocità? Eh? [intanto apre e chiude il coltello a farfalla, mentre si avvicina a Frank] Cosa cosa... [Frank lo colpisce con un pugno, gli prende il coltello e ci gioca anche lui un attimo, al doppio della velocità con cui lo faceva Mike]
    Frank Castle [con il coltello chiuso in mano]: Questa è roba pericolosa! [e lo sbatte sul setto nasale di Mike]
  • Johnny Saint: Dov'è Quentin?
    Howard Saint: Oggi si sente un po' imballato!
    Johnny Saint: A casa non risponde!
    Howard Saint: Mamma se n'è andata...
    Johnny Saint: Cosa?
    Howard Saint: Ha preso il treno!
  • Frank Castle [parlando a Johnny, immobilizzato su una scrivania con solo una mano libera]: Sembri un ragazzo forte, devi fare ginnastica... [prende una mina predisposta in modo che tendendo il cavo alla quale è legata esploda all'istante] Mai provato con l'isometrica? Questa mina antiuomo pesa 3 chili e 600, non è molto... Ma prova a mantenerla col braccio teso... [lega il filo della mina al soffitto e posa la mina stessa sul braccio teso di Johnny] una faticaccia!
    Johnny Saint [ultime parole]: No! Non te ne andare! Non lasciarmi cosi! Non lasciarmi cosi!
  • Frank Castle [avvicinandosi a Saint, in fuga e ferito]: Howard Saint... [urlando] Howard Saint! Mi hai preso tutto quello che avevo!
    Howard Saint [ultime parole]: Tu hai ucciso mio figlio! [si sente un urlo in lontananza di Johnny ed un'esplosione, facendo capire che Johnny ha abbassato il braccio provocando la detonazione]
    Frank Castle: Più il secondo! [c'è una piccola sfida a chi spara per primo tra Saint e Frank, dove quest'ultimo vince ferendo Saint al basso ventre, sopra la gamba, facendolo cadere a terra e si avvicina a Saint in fin di vita e gli getta delle fotografie scattate in precedenza, prova dell'omosessualità di Quentin e dell'innocenza di sua moglie]: Ti ho fatto uccidere il tuo amico, ti ho fatto uccidere tua moglie! [gli getta un orecchino; intanto Saint guarda le foto e il gioiello e scoppia a piangere singhiozzando] ...E ora ho ucciso te!

Explicit[modifica]

Quelli che fanno del male agli altri: assassini, stupratori, psicopatici, sadici, finiranno per conoscermi bene... Frank Castle è morto. Chiamatemi... The Punisher. (Frank Castle)

Altri progetti[modifica]