Toro Seduto

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Toro Seduto

Toro Seduto (1831 – 1890), capo tribù dei Hunkpapa Sioux (Lakota).

Citazioni di Toro Seduto[modifica]

  • È strano, ma vogliono arare la terra, e sono malati di avidità. Hanno fatto molte leggi, e queste leggi i ricchi possono infrangerle, ma i poveri no. Nella loro religione i poveri pregano, i ricchi no. Tolgono denaro ai poveri e ai deboli per sostenere i ricchi e i potenti. (citato in La terra è la nostra madre, p. 51)
  • La vostra gente stima gli uomini quando sono ricchi: perché hanno molte case, molta terra, molte squaw, non è così? [...] Bene, diciamo allora che il mio popolo mi stima perché sono povero. Questa è la differenza! (Toro Seduto a un giornalista del New York Herald, 16 novembre 1887)
  • Sette anni fa abbiamo stipulato un trattato con l'uomo bianco. Ci ha promesso che la terra dei bufali sarebbe stata nostra per sempre. Adesso minacciano di prenderci anche quella. Dovremmo cedere, fratelli? O invece dire loro: "Dovrai uccidermi prima di impossessarti del mio paese". (citato in La terra è la nostra madre, p. 52)
  • Siete ladri e bugiardi. Vi siete presi le nostre terre e ci avete resi emarginati. (Visions 3, Zanichelli) Fonte poco chiara Fonte poco chiara

Attribuite[modifica]

  • Quando avranno inquinato l'ultimo fiume, abbattuto l'ultimo albero, preso l'ultimo bisonte, pescato l'ultimo pesce, solo allora si accorgeranno di non poter mangiare il denaro accumulato nelle loro banche.
[Citazione errata] La frase viene abitualmente attribuita a Toro Seduto, tuttavia la sua origine per quanto incerta è recente.[1]

Note[modifica]

  1. When the Last Tree Is Cut Down

Bibliografia[modifica]

  • William R. Arrowsmith e Michael Korth (a cura di), La terra è la nostra madre – Discorsi dei capi indiani, traduzione di Francesca Ricci, Newton & Compton Editori, 1997. ISBN 88-8289-058-9

Altri progetti[modifica]