Umberto Cecchi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Umberto Cecchi, 1994

Umberto Cecchi (1940 – vivente), giornalista e scrittore italiano.

Citazioni di Umberto Cecchi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [Sul Mostro di Firenze] Il fatto è che rimane, di questi quaranta, cinquanta anni di storia, rimangono un po' di ragazzi morti, in una maniera terribile, e che non riusciamo a dare a chi è sopravvissuto una pace perlomeno morale. Questo è il terribile di questa storia.[1]
  • [Su Mario Spezi] Il suo primo libro sull'inchiesta dei delitti del mostro, Dolci colline di sangue, fu uno dei motivi dell'arresto per il suo contenuto, che raccontava delle verità attentamente controllate, ma il tema era ostico, intrecciato; alcuni magistrati lo definirono frutto di una inchiesta abborracciata che non stava né in cielo né in terra. Ognuno aveva e continua ad avere le sue conclusioni. Basti pensare che Piero Luigi Vigna, procuratore della Repubblica che aveva fatto dell'inchiesta il caposaldo da portare in giudizio, fu smentito dal sostituto che in Tribunale chiese l'assoluzione del 'mostro' sostenendo che l'inchiesta era stata fatta 'coi piedi'. E i giudici gli dettero ragione: morale, Pacciani è morto innocente e i suoi complici colpevoli. Assurdità nazionali.[2]
  • Vorrei capire dagli inquirenti come mai in tanti anni la vicenda–mostro ancora non ha un risultato finale. Disse bene il pubblico ministero Piero Tony, nella sua requisitoria, dicendo che questa non è stata una inchiesta ma una indagine ridicola e chiese appunto l'assoluzione di Pietro Pacciani, come il Procuratore Generale Daniele Propato chiese l'assoluzione di Mario Vanni.[3]

Note[modifica]

  1. Dalla trasmissione Mostro di Firenze - Paolo Cochi e Umberto Cecchi Italia 7, 20 ottobre 2018; disponibile su YouTube.
  2. Da Spezi, quell'inchiesta che cambiò la sua vita, lanazione.it, 29 giugno 2021.
  3. Dall'intervista di Paolo Cochi, Mostro di Firenze e l'ultimo mistero., okmugello.it, 26 settembre 2021.

Altri progetti[modifica]