Giovan Francesco Paolo di Gondi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Il Cardinale di Retz

Jean François Paul de Gondi, italianizzato in Giovan Francesco Paolo di Gondi, meglio noto come il Cardinale di Retz (1613 – 1679), cardinale, arcivescovo cattolico e scrittore francese.

Memorie[modifica]

Incipit[modifica]

Signora, non mi mancheranno occasioni d'imbarazzo nel raccontare la mia vita, e le avventure di ogni genere che l'hanno agitata. Ma voi me l'avete chiesto e io ubbidisco, anche a spese della mia reputazione. Il fatto è che i capricci della fortuna mi hanno onorato di molte occasioni di far corbellerie: e magari non è saggio mettere in piazza anche quelle che già non lo sono. Eppure ho deciso di raccontarvi ogni particolare senza fronzoli, a partire dal momento in cui uscii dall'infanzia: non vi nasconderò niente dei fatti miei.

Citazioni[modifica]

  • Bisogna cambiare spesso opinione per essere sempre d'accordo con un partito.
  • Ci si lascia imbrogliare più spesso per troppa diffidenza che per troppa fiducia.[1]
  • I deboli non si piegano mai quando dovrebbero.
  • In fatto di calunnie, tutto quello che non nuoce serve a chi è calunniato.[1]
  • Tutto quello che è necessario non è mai rischioso.
  • Nei partiti riesce più difficile vivere con quelli che ne fanno parte che agire contro quelli che vi sono avversi.
  • Non ci sono piccoli passi nelle grandi cose.[1]
  • Per convincere una persona poco intelligente, le ragioni più efficaci sono le meno intelligenti. (2001)

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Elena Spagnol, Citazioni, Garzanti, 2003.

Bibliografia[modifica]

  • Jean-François-Paul de Gondi, Memorie, traduzione di Domenico Bartoli e Cesare Giardini, Bompiani, Milano, 1981.
  • Jean-François-Paul de Gondi, Memorie, a cura di Serafino Balduzzi, G. Laterza Editore, Bari, 2001. ISBN 888231149X

Altri progetti[modifica]