Full Metal Panic!

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Full Metal Panic, serie di romanzi, manga e anime creata da Shouji Gatou.

Frasi[modifica]

  • Chidori! Dov'è il maniaco? (Sosuke Sagara)
  • Si tratta di una coincidenza. (Sosuke Sagara)
  • Io non sono affatto un dilettante... Sono uno specialista. (Sosuke Sagara)
  • Mi hai fatto male, sai? (Sosuke Sagara, colpito dall'Harisen di Kaname)

Dialoghi[modifica]

  • Sosuke: E questo?
    Melissa Mao [maliziosa]: Un preservativo.
    Sosuke: Questo lo so, ma mi chiedevo quale uso potesse farne uno studente delle superiori.
    Melissa Mao: Fingi di non capire poi ti dai arie da professore. Sei uno sporcaccione.
    Sosuke: Eh? Non capisco di cosa parli, ma ti assicuro che mi è capitato spesso di usarlo.
    Melissa Mao: Wow!
    Sosuke: Nella giungla, trovandomi senza borraccia. Sì, devi sapere che contengono ben un litro d'acqua.
  • Sensei: Portare giocattoli simili il tuo primo giorno di scuola, te lo sequestro.
    Sosuke: Si sbaglia, non si tratta di un giocattolo. Questa è un'arma caricata con proiettili esplosivi tali da causare feriti e morte. È molto pericolosa.
  • Kaname: Senti, posso fare una domanda ad un compagno di classe che è qui per una coincidenza?
    Sosuke: Ovvero?
    Kaname: Hai vissuto per molto tempo all'estero, giusto? anche nelle altre scuole era come qui?
    Sosuke: Certo. Conducevo una vita normale e tranquilla.
    Kaname: Però... Non ti senti solo per esserti separato dai tuoi amici?
    Sosuke: No. Mi tengo in contatto con loro per telefono o per lettera, quindi... Non me ne sento separato in senso stretto.
    Kaname: Strano modo di rispondere... E che mi dici della tua lei?
    Sosuke: La mia lei?
    Kaname: La tua ragazza, fidanzata... Come la vuoi chiamare...
    Sosuke: Non rientra tra le mie conoscenze.
    Kaname: Hmm... Come sarebbe?
    Sosuke: Un mio collega-cioè-un mio conoscente ha affermato che non riuscirei a trovare la ragazza adatta neppure nelle regioni più sperdute della tundra, ma non so cosa intendesse dire... [Kaname inizia a ridere]
    Kaname: Questo tuo conoscente dice cose divertenti!
    Sosuke: Ne hai capito il senso...?
    Kaname: È perché tu, Sagara, sei una persona strana.
    Sosuke: Sono strano?
    Kaname: Sì, strano, incredibilmente strano! [Ricomincia a ridere] Questo, però, può essere indice di una forte personalità.
    Un giorno troverai una persona capace di capirti.
    Sosuke:...Una brava persona... Ma certo, già, me ne ricorderò... Tu sei... Una brava persona...
    Kaname: [Arrossisce] Non... Non prendere così tanto alla lettera il discorso che ho fatto...!
    Sosuke: Capisco. In questo caso me ne dimenticherò.
    Kaname: [Ridendo] Sei proprio strano. Sei strano, sei strano, assolutamente strano!
  • Kurtz: Hi! Nice to meet you, japanese pretty girls! Sapete io vengo da un paese molto, molto lontano dal vostro. Però mi sono perso e non so più che cosa fare.. Potreste indicarmi la strada? Sono un povero gattino che si è perso e poi perso di nuovo. vi prego, vi prego! Aiutatemi, pretty girls!
    *Mao: Q-quello sciocco donnaiolo senza speranze!
  • Kurtz: Per Tessa è arrivata la primavera! Per Tessa è arrivata la primavera! Stasera si festeggia!!
  • Tessa [alle compagne di stanza]: ...e poi non credo che il signor Kurz sia un pervertito a quei livelli.
    Kurz [origliando la conversazione dalla stanza accanto]: ...io invece sono proprio un pervertito a quei livelli.
  • Gauron: Ero convinto che saresti arrivato portandoti dietro un drappelo di compagni e invece... perché sei venuto da solo?
    Sosuke: Questi non sono affari tuoi, maledetto!
    Gauron: Uhm! Punto sul vivo, eh?!! Col tempo inizi a trovarti a disagio?!?
    Sosuke: Che cosa?!?
    Gauron: Ovviamente sto parlando della Mithril. Quella organizzazione ama atteggiarsi a paladina della giustizia. Chiunque lì dentro comincerebbe a innervosirsi, soprattutto un tipo come te!
    Sosuke: Hai finito con la tua predica senza senso? Inizia a raccontarmi tutto dell'organizzazione segreta che c'è dietro di te.
    Gauron: Accidenti a te, ragazzo! Nonostante tutti ci tieni ancora a fare il tuo lavoro, eh?!? In fondo non ho niente da perdere e ti racconterò ogni cosa. Vuoi sapere della Amalgam? Sì, questo è il nome dell'organizzazione per cui lavoravo. I suoi obiettivi sono la ricerca e lo sviluppo di armi avanzate da collaudare in vere battaglie, motivo per cui provoca vari conflitti territoriali. Anche nelle classi dirigenti di ogni paese si sono infiltrati dei simpatizzanti della Amalgam. Ce ne sono tanti in entrambi i blocchi. Desiderano il mantenimento della Guerra Fredda e la crescita dell'industria bellica.
    Sosuke: Tutto questo ha forse a che vedere anche con la mia presenza qui?
    Gauron: No, questa è una mia iniziativa personale. Anzi sono praticamente sicuro che a quest'ora quei poveretti della Amalgam avranno perso il senno per cercare di trovarci.
    [Arriva il Venom]
    Sosuke: Il Venom!
    Gauron: Sei tu Yu Fan?
    Yu Fan: Sono pronta per la missione.
    Gauron: Ottimo lavoro! Stammi bene, mia cara!
    Yu Fan: Addio, Maestro!
    [Il Venom si dilegua]
    Gauron: Devi sapere che anni fa ho allevato due gemelle molto in gamba, di nome Yu Fan e Yu Lan. Due ragazzine che ti assomigliano parecchio. Ancora oggi mi sono entrambe fedeli come cagnolini ed è stato per loro tramite che ho potuto mettere in pratica il mio piano. Yu Fan morirà questa notte dando battaglia agli uomini della Mithril fino all'ultimo o in alternativa, sara' massacrata dalla squadra di esecuzione della Amalgam.
    Sosuke: La squadra di esecuzione?!?
    Gauron: Sono i più pericolosi in assoluto e il loro comandante e' completamente pazzo e privo di scrupoli. I tuoi amici non potranno mai competere con lui! Appena li incontrerà li ucciderà uno ad uno.
    Sosuke: La Amalgam? E nelle loro fila ci sono soggetti noti come Whispered?
    Gauron: Sì ce n'è uno di grado molto alto, in effetti.
    Sosuke: Ma allora perché si ostinano a tenere d'occhio Kaname Chidori?
    Gauron: Perché averne uno solo non è abbastanza. Ci sono grosse differenze tra un Whispered e l'altro a seconda delle conoscenze che custodiscono. Un individuo può essere utile al perfezionamento del Lambda Driver, un altro può contribuire per quanto riguarda la tecnologia dei mezzi subacquei. Per cui quando viene scoperto un nuovo Whispered bisogna identificare la sua area di competenza e valutarne l'utilità. Per questo avevamo puntato a quella ragaza nella regione del Kanka e poi a Kaname Chidori, sin dal primo istante in cui venne scoperto che lei era una Whispered. A me hanno raccontanto solo questo. Non so rivelarti altro.
    Sosuke: Dimmi dove si trova la sede della Amalgam e chi occupa i ruoli più importanti!
    Gauron: Mi spiace non ho più nessuna voglia di parlare di questo. È un discorso un po' troppo noioso e non è un argomento a cui tengo. [Sosuke gli punta la pistola alla testa] Ehi, ehi! Credi che io sia tanto affezionato a questa vita a metà?
    Sosuke: Dimmi quello che sai, per favore!
    Gauron: Per favore, questa poi! Ragazzo tu sei lo stesso Kashim di un tempo?
    Sosuke: Come?
    Gauron: Devi provare a scavare nella tua memoria, pensare a quando ci siamo incontrati per la prima volta. Sono passati cinque anni, te lo ricordi? A quel tempo io ero istruttore in un campo d'addestramento e tu eri un guerrigliero che combatteva contro l'Unione Sovietica. Non ti schieravi dalla mia parte ma non eri neanche un mio nemico. I miei ricordi sono così vivi ancora oggi! In quel periodo tu avevi uno sguardo meraviglioso: non difendevi né condannavi la vita umana, non avevi tormenti né esistazioni né sofferenza. Già, avevi uno sguardo limpido come quello dei Santi, uno sguardo che trasmette forza e fierezza. Capisci che intendo? C'era totale coerenza, non c'erano siocche debolezze o cotraddizioni. Anche quando ci siamo rivisti nel Kanka il tuo sguardo non era cambiato, era uguale a quello di allora: era lo sguardo immortale di chi non ha nessuna debolezza umana. Potrei anche accettare di morire per mano di quest'uomo, non sarebbe un disonore! Avevo pensato questo e, invece, osservandoti oggi... perché il tuo sguardo è tanto cambiato?!?
  • Gauron: Hai una brutta espressione, sei indeciso? Stai esitando? Dov'e il vero Kashim con il suo sguardo di un Santo assassino? Che cocente delusione! Ora sei pieno di contraddizioni, non sei neanche degno di morire in battaglia!
    Sosuke: Ti avverto, sta zitto!!
    Gauron: Tu ed io siamo della stessa razza ma adesso ti è venuta una gran voglia di diventare un tizio qualsiasi. Mi vien quasi da vomitare!
    Sosuke: Ti ho detto di tacere, capito!!
    Gauron: A no, invece, mi ascolterai! Da quando hai iniziato a frequentare la Mithril e quella scuola superiore sei diventato banale. Hai permesso che quella gente insignificante ti cambiasse e ti rendesse mediocre. Non ti accorgi nemmeno di quanto sei teso e nervoso in ogni momento e tutto a causa loro, di quella patetica infondata bugia chiamata umanità! Una cosa che non si addice per nulla a Kashim il Santo assassino. Un po' alla volta ti sei lasciato abbindolare da loro, non ho ragione? È prerogativa dei deboli rendersi parassiti dei forti facendo intravedere miraggi come la lealtà fra compagni o la fiducia reciproca. I deboli succhiano la linfa dei forti fino al midollo! Ammeti i tuoi sentimenti! È così gratificante avere a che fare con una massa di deboli?!? Andiamo Kashim, rispondi! Ti sto domandando se è tanto bello lasciarsi contagiare dai tuoi deboli amici?!!
    Sosuke: Taci! Chiudi il becco una buona volta!!
    Gauron: Patetico! Non hai nemmeno la forza di uccidermi! Come vedi io sto per crepare, ma visto che me ne sto andando ho deciso di chiudere alcuni conti in sospeso. A Yu Fan ho ordinato di continuare a scatenarsi finche' rendera' l'intera città di Hong Kong un mare di fiamme, mentre alla sua sorella gemella Yu Lan ho ordinato di eliminare il cancro più insidioso che abbia mai infestato e corrotto il tuo spirito di guerriero.
    Sosuke: Cancro?
    Gauron: La ragazza, chi altri? Non mi dire che non ti è ancora arrivata la notizia! Conosco ogni dettaglio della sua fine: pare che il suo bel figurino in divisa scolastica sia tutto rovinato ed è stata talmente coraggiosa da non aver nemmeno chiesto che le venisse risparmiata la vita! Ah, la sua ultima parola è stata: perdonami. A chi stava pensando in quel momento?!!
    Sosuke: Non è vero, no!!
    Gauron: Ma come?!! Certo che è vero! Avrei voluto mostrarti una sua foto per vederti disperato, sarebbe stato un vero spettacolo ma anche così devo dire che non c'è male per niente! La faccia che stai facendo ora è meravigliosamente espressiva, già... A Tokyo si consumava la tragedia, la speranza è fuggita, ah povera signorina Kaname! E pensare che era una ragazza tanto buona e graziosa! Come è stato crudele e malvagio il suo destino!
    Sosuke: Gauron maledetto!!
    Gauron: Sì, è andata proprio cosi! L'ho uccisa io! Avanti odiami, capito! Odiami Kashim!!

Altri progetti[modifica]