Gianluigi Falabrino

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Gianluigi Falabrino (1930 – 2010), scrittore, storico della Pubblicità e docente universitario italiano.

A dir le mie virtù[modifica]

Incipit[modifica]

C'era una volta il dottor Dulcamara che, nella sua bottega, prometteva l'elisir di lunga vita o il liquyore dell'eterna giovinezza; e chi gli credeva non era più stupido di chi, oggi, crede che i prodotti di bellezza rendano la pelle di una quarantenne simile a quella della figlia adolescente: allora come sempre, si aveva paura della vecchiaia e della morte.

Citazioni[modifica]

  • Per circa vent'anni, fino alla morte tragica per un banale incidente sulla spiaggia, avvenuta nel 1978, Marcello Marchesi fu il prolifico autore di slogan, ispiratore di marchi e di campagne, sceneggiatore di Caroselli. Il nerboruto eroe o atleta, che scolpiva la parola Plasmon alla fine del Carosello, nacque da un'idea di questo umorista prestato alla publicità. (p. 91)
  • In quegli anni, anche la propaganda del regime non disdegnava la rima baciata; valga per tutti il celebre motto coniato da Leo Longanesi:
    Libro e moschetto
    fascista perfetto
    . (p. 131)
  • Di quegli anni, la poetessa Biagia Marniti ricorda che alla Fiera di Bari, si vendevano piccoli panettoni Motta al canto del ritornello:
    Il panettone
    una lira la porzione.
    Chi si vuol divertire
    tutti a Bari debbono venire
    . (p. 134)

Bibliografia[modifica]

  • Gianluigi Falabrino, A dir le mie virtù, Garzanti Editore, 1992.