Larry Niven

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Larry Niven

Laurence van Cott Niven (1938 – vivente), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

I guerrieri[modifica]

— Sono sicuro che ci hanno visti arrivare. — insistette l'Uffi­ciale Addetto alle Tecnologie Aliene; — Vede quell'anello, Signo­re?
L'immagine argentea della nave nemica riempiva quasi intera­mente lo schermo: aveva la forma di un anello ampio e largo che circondava un asse cilindrico, come un pennello meccanico che fluttuasse all'interno di un braccialetto di platino. Dall'estremità appuntita dell'asse sporgeva un oggetto a forma di pinna. Lettere di forma angolare, completamente diverse dai punti e dalle virgole che formavano la scrittura kzinti, correvano lungo il cilindro.
— Certo che lo vedo! — disse il capitano.

L'impiccione[modifica]

C'era qualcuno nella stanza.
Era certamente uno dei ragazzi di Sinc. Un tipo non molto furbo, però. Uscendo, avevo lasciato le luci spente, e ora quel filo di luce gialla che filtrava da sotto la porta bastava per mettermi in guardia.
Il killer non era passato dalla porta; le spie erano tutte al loro posto. Restava la scaletta anti-incendio esterna, vicina alla finestra della camera da letto.

Bibliografia[modifica]

  • Larry Niven, I guerrieri, traduzione di Maria Cristina Pietri, in in "I guerrieri delle galassie", a cura di Sandro Pergameno, Ed. Nord, 1986. ISBN 884290595X
  • Larry Niven, Metamorfosi a volontà. L'impiccione, traduzione di Bianca Russo, in "Il terzo libro delle metamorfosi", Mondadori, 1969.

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]