Lorenzo Borghese

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Lorenzo Borghese (1972 — vivente), imprenditore con cittadinanza italoamericana,

Incipit de I segreti di una principessa[modifica]

Sua Eccellenza il Principe Camillo Borghese e Sua Eccellenza la Principessa Paolina Bonaparte Borghese vi invitano a festeggiare l'ultima notte di Carnevale presso la loro Villa nel quattordicesimo giorno di febbraio in quest'anno di Nostro Signore Mille Ottocento Quattro.
Ogni cosa brillava.
Nella sua cornice verdeggiante appena al di là delle antiche mura cittadine di Roma, la facciata in marmo del palazzo in miniatura rifletteva luce da centinaia di lanterne: alcune appese ai piani superiori, altre in cima a pali decorati con teste di drago piantati nel terreno a intervalli regolari intorno all'edificio. Il viale d'accesso era gremito di carrozze che lo illuminavano col bagliore delle lampade. Le fontane zampillavano al chiaro di luna. Domestici in livrea bordata d'oro e parrucca incipriata servivano champagne. In sala da pranzo c'erano piatti dorati stracolmi di frutta di marzapane ricoperta dalla glassa. Gli ospiti, in costumi stravaganti e ancor più stravaganti maschere, erano un caleidoscopio di seta, gioielli e piume. Avevano gli occhi che ardevano di un'intensità fiera e giuliva, e sembrava che i loro gesti lasciassero nell'aria scie di scintille. Saettavano da un'attività all'altra come frecce, bevendo, mangiando, ridendo, ballando, amoreggiando. L'indomani sarebbe stata Quaresima. L'indomani avrebbe portato ceneri, penitenza e austerità. Ma quella sera era ancora Carnevale, e ancora una volta la famiglia Borghese aveva aperto la sua villa per il tradizionale ballo in maschera che contraddistingueva le ultime ore di una festa che si era protratta per otto giorni.

Bibliografia[modifica]

  • Lorenzo Borghese, I segreti di una principessa, traduzione di Alberto Frigo, Newton Compton, 2010. ISBN 9788854122659

Altri progetti[modifica]