Nicolae Bălcescu

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Nicolae Bălcescu

Nicolae Bălcescu (1819 — 1852), scrittore, storico, giornalista e patriota rumeno.

  • L'ultima mia parola sarà ancora un inno a te, patria mia dolce. (citato in Petru Iroaie, Documenti palermitani intorno a Nicola Balcescu)

Citazioni su Nicolae Bălcescu[modifica]

  • Nell'autunno del 1852 si ebbe il secondo soggiorno di Balcescu a Palermo. Il primo si era avuto nel 1847 quando vi si era rivolto, spinto dalla sete di raccogliere nelle biblioteche e negli archivi materiale per i suoi studi e nello stesso tempo attirato dalla mitezza del clima che sperava potesse guarirlo dalla tisi, contratta nella prigione (20 luglio 1841 – 1 marzo 1843) a cui era stato condannato per ragioni politiche. (Petru Iroaie)
  • È da rilevare che il ricordo di Balcescu è tenuto vivo a Palermo anche dalla sezione romena della Biblioteca dell'Università locale a cui il prof. Bruno Lavagnini ha dato il nome dello scrittore. E se Vasile Alecsandri e Duiliu Zamfirescu (1858-1922) gli hanno dedicato le note poesie (Balcescu morente; Fiori di Pasqua), il palermitano Salvatore Lo Voi gli rivolge moderne strofe italiane, in cui evoca le grandi ombre di Michele il Bravo, realizzatore per un brevissimo tempo dell'unità politica romena (1600), e quella di Avram Iancu, il re delle montagne (regele muntilor) (1848), pacate nel presente dall'eco del mesto antichissimo canto romeno, la doina. (Petru Iroaie)

Bibliografia[modifica]

  • Petru Iroaie, Documenti palermitani intorno a Nicola Balcescu, Istituto Storia Risorgimento Italiano, Quaderni Storici diretti da Eugenio Di Carlo, Palermo 1953)

Altri progetti[modifica]