Proverbi sangiorgesi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Proverbi sangiorgesi.

  • A ciapà i muschi per lasà 'nda i tavan.
Prendere le mosche per lasciare andare i tafani.
  • Amur di fradii, amur di curtii.
Amore dei fratelli, amore dei cortili.
  • A prima ruscià d'Aùstu, porta via püras e muschi.
Il primo acquazzone di Agosto, porta via le pulci e le mosche.
  • I fiö in dul duca, chi ga i ha, i a pilüca.
I figli sono del duca, chi ce li ha li sopporta.
  • Lüi a téra la büi.
Luglio la terra bolle.
  • Sa 'l pioeu a Pasqua g'avarem püsseé üga che frasca.
Se piove a Pasqua, avremo più uva che foglie.
  • San Biàs ga gèra a guta sòta ul nas.
A San Biagio gela la goccia sotto il naso.
  • San Giuàn fa minga ingàn.
San Giovanni non fa inganni.
  • San Sebastiàn, frégiu da can.
San Sebastiano, freddo da cani.
  • Santa Lüzìa, l'è ul dì püssé cürtu ca ga sia.
Santa Lucia, è il giorno più corto che ci sia.
  • Tan cò, tan züchi.
Tante teste, tante zucche.
  • Tre dònn, marcà da Saròn.
Tre donne, fanno il mercato di Saronno.

Bibliografia[modifica]

  • Attilio Agnoletto, San Giorgio su Legnano, storia, società, costume, Nova Stampa, Parma, 1992.

Altri progetti[modifica]