Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Pietro Mastri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Èspero)
Jump to navigation Jump to search

Pietro Mastri, pseudonimo di Pirro Masetti (1868 – 1932), poeta italiano.

Citazioni di Pietro Mastri[modifica]

  • Da quando la messe ha spigato | scintillano i campi ogni notte: | son lembi di cielo stellato. | O tàcite stelle[1], che a frotte | vagate quaggiù senza fine, | o stelle piccine e vicine, | non sente la messe che dorme | quel palpito fitto, uniforme, | sfiorare le spighe recline? | al ritmo del tremolo trillo, | che a notte ogni zolla produce, | diffonde il suo ritmo tranquillo | quel palpito d'ali e di luce. | Se verde è la messe per ora, | la luce è di chiaro smeraldo; | se appena la spiga s'indora, | la luce è d'un tono più caldo; | si fa di topazio man mano | che l'oro s'addensa nel grano. | Ed ecco l'estate. Una sera | lo cerchi pei campi dov'era, | quel vago stellato: ma invano... | O trilli nell'ombra, che fu? | Passaron le falci, le falci! | E un'arida stoppia si stende | là sotto agli olivi ed ai tralci. | Se lume di stelle s'accende, | è lungi, ben lungi: lassù. (Lucciole, in Santoli e Stanghellini, pp. 579-580[2])
  • O San Giovanni della mietitura, | apri le porte d'oro; è tempo ormai. | La falce è in filo e la messe è matura; | apri le porte d'oro a' tuoi granai, | o San Giovanni della mietitura. || Eccoli i mietitori. Hanno percorso | le vie bianche di sole a schiere a schiere. | A ognun la falce rilucea sul dorso | come un tempo la daga al cavaliere. | Domani questa messe ampia cadrà. (Mietitura, in Santoli e Stanghellini, p. 581[3])

Èspero[modifica]

  • Nella sera, d'un verde viola | così tenero come a marzo | le mammolette, una scheggia di quarzo | è comparsa, lucente: ed è sola.
  • Èspero! Oh stella deserta, | la più bella di tutte, che adduci | le prime ombre come le prime luci | su per la medesima erta; [...].
  • Come ardi, tremante e leggera!... | Tutto il Creato è dunque speranza?... | Ti guardo. Non v'è più distanza | fra 'l cuor dell'uomo e l'immensa tua sfera. | Gli dei : «E tu spera!»

Note[modifica]

  1. Le lucciole.
  2. In Sulla spiaggia dei mondi, C.E.M.
  3. In L'arcobaleno, Zanichelli, Bologna.

Bibliografia[modifica]

  • M. L. Santoli e M. Stanghellini, I grandi libri, volume primo, Zanichelli, Bologna, 1971.
  • Pietro Mastri Via delle Stelle, Ed. Alpes.

Altri progetti[modifica]