Giuseppe Musolino

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Brigante Musolino)
Jump to navigation Jump to search
Una raffigurazione di Giuseppe Musolino

Giuseppe Musolino, o Pieppi Musolinu in dialetto, (1876 – 1956) brigante calabrese.

Citazioni di Giuseppe Musolino[modifica]

  • [dopo la sentenza di condanna a 21 anni]
    N'ebbero allegrezza quel giorno
    quando i giurati condannato m'hanno
    ma se per sorte al paese torno
    quegli occhi che risero piangeranno.
Nd'ebbiru alligrizza chiddu jornu
quandu i giurati cundannatu m'hannu...
ma si per casu a lu paisi tornu
chidd'occhi chi arridiru ciangirannu.
(citato in Pietro Romeo, Giuseppe Musolino, p. 225)
  • [Al momento della cattura] Quello in cui non è riuscito un esercito è stato capace un filo.  Fonte? Fonte?
Chiddu chi non potta n'esercitu, potta nu filu.
  • [In tribunale] Se mi assolveste, il popolo sarà contento della mia libertà. Se mi condannaste, fareste una seconda ingiustizia come pigliare un altro Cristo e metterlo nel tempio. Eppoi, vedete, io non sono calabrese, ma di sangue nobile di un principe di Francia. Chi condannate? Un cadavere, perché io posso avere cinque o sei mesi di vita al più.  Fonte? Fonte?

Citazioni su Giuseppe Musolino[modifica]

  • Ho la testa piena di pensieri | né di notte né di giorno posso riposare | perseguitato dai carabinieri | che per forza mi vogliono arrestare. | Devo saltare muretti con sentieri | e altri ancora ne dovrò saltare | una sola cosa mi porta dolore | essere lontano dai miei genitori. (Muttetta, Lu Briganti Peppi Musolino, Re dell'Aspromonte)
Aju la testa china di penzéri | no' notti e no' ghjornu pozzu ripusari | pressequitatu di li carbbinéri | chi già pe' fforza mi vonnu arrestari. | Aju sartàtu muretta cu' sentèri | e àttri ancora ca 'nd'aju a sartàri | 'na sula cosa mi porta doluri, | êssiri luntanu d'i me' genituri.[1]
  • Certamente sei meglio di tanti disonesti, tu almeno non hai fatto tradimenti. (Michele Fera)
Certu, sì meggh'i tanti sdisonesti, tu armenu non facisti tradimenti.
  • Chi era stato davvero Musolino? Un sanguinario vendicatore degli emarginati del sud, uno spaccone di paese visionario e smargiasso, il portabandiera anarchico delle lotte presocialiste, un paranoide sbandato e irresponsabile, una vittima del disadattamento. (Enzo Magrì)

Note[modifica]

  1. Citato in Storia d'u briganti Musulinu, Reggiocalabria.info.

Bibliografia[modifica]

  • Pietro Romeo, Giuseppe Musolino – Il giustiziere dell'Aspromonte, Laruffa Editore, 2003. ISBN 88-7221-188-3

Altri progetti[modifica]