Li Bai

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Li Po)
Jump to navigation Jump to search
Li Po recita una poesia, inchiostro su carta di Liang Kai (XIII secolo)

Li Bai, noto in Occidente come Li Po (701 – 762), poeta cinese.

Citazioni di Li Bai[modifica]

  • Davanti al mio letto guardando il chiaro lunare | mi chiedo se di brina sia coperta la terra, | alzo lo sguardo alla luna sui monti, | chino il capo e penso al paese natio. (da Pensieri d'una notte calma, in Coppe di giada, p. 27)
Chiarore diafano davanti al mio letto. | C'è forse brina sulla terra? | Capo levato: contemplo la luna, | occhi bassi: penso alla terra natale. (da Pensiero notturno, in Coppe di giada, p. 27, in La Poesia T'ang, p. 41[1])
  • Questa notte riposo in cima al tempio | con la mano posso cogliere le stelle, | non oso dar suono alle mie parole | per timore di destare gli abitanti del cielo. (da Iscrizione sopra la sommità del Tempio, in Coppe di giada, p. 71)
Tempio della vetta, la notte: | levar la mano e carezzar le stelle! | Ma zitti! abbassiamo la voce: | non risvegliamo gli abitanti del cielo. (da Tempio della Vetta, in La Poesia T'ang, p. 44[1])
  • Gli uccelli volano via, scompaiono. | Un'ultima nube, pigra, si dissolve. | A contemplarsi all'infinito l'un l'altro | Restiamo solo io e il monte Cerimonioso. (da Il monte Ching-t'ing, in La Poesia T'ang, p. 38[1])
  • Leggero vento autunnale, | lucente luna d'autunno, | le foglie cadute si ammonticchiano e poi vanno distanti, | il corvo si accoccola e poi si agita | e quando ti penso vorrei conoscere il giorno in cui potrò rivederti, | in questo momento, in questa notte, difficili sono i sentimenti. (da Tre cinque sette parole, in Poesia cinese dell'epoca T'ang[2])
  • Anche quel muro vecchio | anche quel magro cane | anche il gelo nel secchio | gode il sol, stamane. (da Inverno, in Poesia cinese dell'epoca T'ang[2])
  • Seduto lì tra i fiori, con la brocca di vino –, | festino solitario, privo di amici intimi –, | elevo il mio boccale e invito il chiar di luna. | Insieme all'ombra, poi, saremo in tre, | giacché la luna non si negherà al bere. | E mentre l'ombra seguirà il mio corpo, | intanto, al fianco suo, io scorterò la luna. | La via della gaiezza termina a primavera; | mentre la luna ondeggia, al mio canto, qua e là. | Ed ha un sussulto l'ombra, fremendo, alla mia danza. | Da sobri, noi viviamo di una gioia comune; | quando poi, nell'ebbrezza, ciascuno si disperde. | Noi tre, per sempre uniti, vagando senza affetti, | infine, in lontananza, saremo alla Via Lattea. (da Sotto la luna, un festino solitario in Poesia cinese dell'epoca T'ang[2])

Note[modifica]

  1. a b c Traduzione di Michele Leone Barbella.
  2. a b c Traduzione di Leonardo Arena.

Bibliografia[modifica]

  • AA. VV., Poesia cinese dell'epoca T'ang, Rizzoli, 1998. ISBN 978-88-17-17231-8
  • Francois Cheng, La Poesia T'ang, Guida, Napoli, 1987. ISBN 978-88-7042-743-1
  • Coppe di giada, antologia della poesia cinese classica, Li Po, Tu Fu, Po Chu-i, a cura di Vilma Costantini, UTET, Torino, 1985.

Altri progetti[modifica]