Mahmud al-Zahar

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Mahmud-al-Zahar)
Jump to navigation Jump to search

Mahmud al-Zahar (1945 – vivente), attivista e politico palestinese.

Citazioni di Mahmud al-Zahar[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Israele verrà distrutto nel marzo 2022. Basta leggere attentamente il Corano. Prima ci sarà una gigantesca battaglia che porterà alla nascita di uno Stato islamico unificato in tutto il Medio Oriente. Poi conquisteremo Jaffa, Tel Aviv, Haifa, sino ad arrivare alle moschee sante di Gerusalemme.[1]
  • Gaza non sparirà nel mare. Sarà invece il mare di Gaza a sommergere gli ebrei.[1]
  • Un inviato di questo giornale [il Corriere della Sera] ci venne a trovare in Libano subito dopo la deportazione. Non abbiamo dimenticato gli aiuti arrivati dall'Italia grazie ai suoi articoli.[1]
  • Cari fratelli e sorelle, [...] non possiamo fare a meno di ricordarci dei crimini di questi criminali Ebrei, nel corso della storia. Perché la Francia, nel 1253, ha espulso e sradicato l'entità ebraica, che era rappresentata dal ghetto? Perché li hanno espulsi? Perché succhiavano il sangue dei Francesi, perché spargevano il sangue dei Francesi, li macellavano, rubavano i loro soldi e cospiravano contro di loro. Alla fine, i Francesi non ebbero altra alternativa se non quella di espellerli. [...] Questa serie di espulsioni continua fino al giorno odierno. [...] Se Allah vorrà, la loro espulsione dalla Palestina nella sua interezza è una certezza. Noi non siamo né più deboli né meno onorabili di quei popoli che hanno espulso e annientato gli Ebrei. Il giorno in cui anche noi li espelleremo si avvicina. [...] Abbiamo teso la nostra mano per dare da mangiare a questi cani affamati, a queste bestie selvagge, e hanno divorato le nostre dita. Ma ora abbiamo imparato la lezione, e vi dico che non c'è posto per voi fra di noi, e per voi non c'è un futuro neanche fra le nazioni del mondo: siete destinati all'annientamento.
Dear brothers and sisters, [...] we cannot but recall the crimes of these criminal [Jews], throughout history. [...] Why did France, in 1253, expel and uproot the Jewish entity which was represented by the ghetto? Why did they expel them? Because they sucked the blood of the French, because they shed the blood of the French, slaughtered them, stole their money, and conspired against them. At the end of the day, the French had no choice but to expel them in 1253. [...] The series of expulsions continues to this day, [...] and Allah willing, their expulsion from Palestine in its entirety is certain to come. We are no weaker or less honourable than the peoples that expelled and annihilated the Jews. The day we expel them is drawing near. [...] We extend our hands to feed these hungry dogs and wild beasts, and they devoured our fingers. We have learned the lesson: there is no place for you among us, and you have no future among the nations of the world. You are headed to annihilation.[2]

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Lorenzo Cremonesi, 2022, la fine d'Israele, Corriere della Sera, 15 gennaio 1994, p. 7.
  2. Da un discorso trasmesso su Al-Aqsa TV, 5 novembre 2012, visibile su Youtube.com.

Altri progetti[modifica]