Michael Bishop

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Occhi di fuoco)
Jump to navigation Jump to search

Michael Bishop (1945 — vivente), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Dentro le mura di Tiro[modifica]

Mentre immetteva la sua Nova sulla capeggiata di accesso alla tangenziale, Marilyn Odau rifletté che per lei il periodo più duro dell'anno era proprio quello di Natale. Dalla fine di novembre agli inizi di gennaio i suoi nervi erano costantemente tesi come corde di violino. Per di più, il traffico sulla superstrada non aiutava: furgoni che cambiavano carreggiata, camioncini, lucide macchine sportive, semirimorchi e tutti gli altri confusi e indistinguibili. Anche se si vedeva le mani sul volante tremanti dentro i guanti di pelle beige, non sembrava che fosse lei ad avere il controllo della Nova; la quale pareva invece un automa che ricevesse forza e direzione da un'invisibile fessura nel cemento sotto di lei. La sua illusione di essere al controllo era esattamente... un'illusione.

Occhi di fuoco[modifica]

Molto tempo fa, viveva a Kier un giocoliere-ladro, ancora prima che Kier diventasse una nazione, ed il nome di questo giocoliere-ladro era Jaud. In quei giorni Gla Taus, il Mondo, era nuovo e appena formato dalla materia primordiale, ed in ogni situazione che si creava in questo mondo nuovo, Jaud agi­va seguendo l'impulso del proprio egoismo. Questa non era pe­rò una cosa insolita, perché all'inizio il mondo era senza legge e la sua popolazione non aveva un vocabolo con cui definire la coscienza.

Vita in famiglia[modifica]

Alle sei di un silenzioso mattino, Lannie sedeva davanti alla visiconsolle, nel vano-letto nel Settore B-11, Porta 47, Livello 3. La nausea cominciava a insinuarsi da qualche parte nelle sue viscere: gorgoglii, rimescolii e un borbottio ritmato. E Sanders – quell'omaccione di Sanders – russava sdraiato sul letto; se anche i Livelli 1 e 2 fossero crollati su di loro, lui avrebbe continuato a dormire, in quanto doveva alzarsi soltanto di lì a un'ora.

Bibliografia[modifica]

  • Michael Bishop, Dentro le mura di Tiro, traduzione di Grazia Alineri, in "Il colore del male. I capolavori dei maestri dell'horror", a cura di David G. Hartwell, Armenia Editore, 1989. ISBN 8834404068
  • Michael Bishop, Occhi di fuoco, traduzione di Annarita Guarnieri, Ed. Nord, 1987.
  • Michael Bishop, Vita in famiglia, traduzione di Nicola Fantini, in "Storie del Pianeta Azzurro", a cura di Sandro Pergameno, Ed. Nord, 1987.

Altri progetti[modifica]