Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Maria Alinda Bonacci Brunamonti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Maria Alinda Bonacci Brunamonti

Maria Alinda Bonacci Brunamonti (1841 – 1903), poetessa italiana.

Incipit di alcune opere[modifica]

Per la festa dell'unita italiana nel 1863[modifica]

Del dì nascente il mattutino raggio
La terza volta a giubilar ci desta,
E ogni città d' Italia ogni villaggio
Esulta a festa.
E giunge il suono degli allegri accenti
Là del veneto mar fino alle sponde,
Quindi sul Tebro alle romulee genti
L' eco risponde.

Sogni di Maggio[modifica]

Figlie di Napoli, che vi avviate
verso le molli sedi incantate
Della riviera, verso la Villa,
Dove ogni salda virtù vacilla,
Voi non sapete che quella riva
Così lucente, così festia
È di lusinghe, d'inganni piena,
Perché v'è il fascino della Sirena!

Bibliografia[modifica]

  • Maria Alinda Bonacci, Per la festa dell'Unità italiana nel 1863, Recanati, Tip. Badaloni, 1863.
  • Maria Alinda Bonacci Brunamonti, Sogni di maggio, musica di Francesco Paolo Frontini, ed. Ricordi, 1885,

Altri progetti[modifica]