Vedānta

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Vedanta)
Jump to navigation Jump to search

Citazioni sul Vedānta ("fine dei Veda"), darśana dell'Induismo. Il termine identifica anche l'intero corpus dei Veda fino alle Upaniṣad vediche.

  • Il Vedanta dunque prende le mosse da alcune Upanisad ed è stato codificato nei Brahmasutra o Vedantasutra attribuiti a Badarayana.
    Di fatto tuttavia presto si profilarono diversi modi di intendere le implicazioni delle brevi sentenze[1]. Avvenne perciò che il Vedanta si divise in vari rami che duramente si avversarono: da una parte, per parlare solo dei maggiori e più noti indirizzi, l'Advaita, il monismo assoluto, e dall'altra il Visistadvaita, monismo differenziato, con molte variazioni intermedie che vanno dalle scuole Dvaita, dualiste, a quelle del Bhedabheda della identità nella differenza, per monismo o dualismo intendendosi rispettivamente la esistenza di un unico principio o la differenza fra l'anima umana e quell'assoluto. (Giuseppe Tucci)
  • Il Vedanta insegna che il Nirvana può essere ottenuto qui e ora, che non dobbiamo aspettare la morte per raggiungerlo. Il Nirvana è la realizzazione del Sé; e una volta saputo questo, anche se solo per un momento, nessuno mai potrà essere ancora ingannato dal miraggio della personalità. (Vivekananda)
  • La teologia del vedānta è trasversale rispetto a queste tradizioni religiose, e si presenta come l'elaborazione di un complesso discorso – sulla natura e sul contenuto delle sacre scritture – che esplora i problemi dell'esistenza e della conoscenza. Il vedānta, l'articolazione teologica delle tradizioni vediche, è una concezione che penetra il pensiero vaiṣṇava e anche, sebbene in misura minore, le scuole śaiva e śākta. (Gavin Flood)

Note[modifica]

  1. I sutra (aforismi) delle opere citate.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]