Giuseppe Pederiali

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Venivano dalle stelle)
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Pederiali (1937 – 2013), scrittore italiano.

  • Gli uomini sono gli unici animali evoluti a non avere la coda. Se avessero la coda sarebbero buoni come gli altri animali. (da L'amore secondo Nula, Garzanti, 2012)

Incipit di alcune opere[modifica]

Il tesoro del Bigatto[modifica]

Il Diavolo entrò nell'animale, interruppe i sogni del suo letargo, lo svegliò. Rabbrividì per il freddo che il corpo del piccolo mammifero cominciò a percepire. Avrebbe dovuto dormire fino a primavera inoltrata; il cuore faticava a pompare il sangue e gli occhi vedevano soltanto il buio della tana scavata tra le radici di una quercia.
La donnola percorse la galleria orizzontale, poi iniziò a salire. Scavò tra i sassi e il terriccio sistemati in autunno per difendere la zona più sotterranea dal freddo e dagli altri animali, entrò direttamente nella cavità che il tempo e le formiche rosse avevano scavato nel tronco della quercia.

La Compagnia della Selva Bella[modifica]

Era il più bel maiale che avessero mai visto; enorme, grasso, di un bel colorito rosa pallido, pochissimo peloso, di sicuro intelligente. Dovevano essersi levati il pane di bocca per nutrire lui, mentre il porcile, di fianco alla casa sulla via Emilia, a forza di aggiunte, ampliamenti e rifacimenti del tetto, dalla paglia ai coppi, era diventato più grande e importante della casa stessa.

Venivano dalle stelle[modifica]

Volavano alla deriva nell'universo, senza una precisa meta, affidati al caso. Gli strumenti di bordo sarebbero scattati automaticamente non appena avvistato un pianeta adatto a ospitarli. Intanto dormivano, racchiusi negli involucri che consentivano una finzione di eternità.
Sognavano il Corpo, le Sensazioni: la fame, la sete, l'amore. La paura: come quando, molti millenni prima, abbandonarono il loro mondo condannato.
Il cervello, incorporeo, sopravviveva nell'Involucro, tradotto in impulsi elettronici stampati su nastri magnetici. Un nastro per la capacità motoria, uno per la sensibilità, uno per la visione, uno, lunghissimo, per la memoria. Moltissimi nastri in attesa di essere svuotati quando le lucide e piatte astronavi sarebbero state abbastanza vicine al pianeta desiderato.

Bibliografia[modifica]

  • Giuseppe Pederiali, Il tesoro del Bigatto, Rusconi, 1994.
  • Giuseppe Pederiali, La Compagnia della Selva Bella, Bompiani, 1983.
  • Giuseppe Pederiali, Venivano dalle stelle, Campironi, 1974.

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]