Angelus Silesius

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Angelus Silesius

Angelus Silesius (1624 – 1677), poeta, mistico e religioso tedesco.

  • Dio è la cosa più povera, che implora tutta nuda e sola. (citato in S. Quinzio, Un commento alla Bibbia, vol IV, Adelphi, Milano 1972, p. 255)

Il pellegrino cherubico[modifica]

  • Dio abita in una luce cui strada non conduce: chi luce non diventa, non lo vede in eterno.
  • Devo esser Maria e da me far nascere Dio perché egli mi conceda beatitudine eterna.
  • Fermati, dove corri? | Il cielo è dentro di te; | Se altrove tu lo cerchi | In eterno lo perdi. (I, 82; V, 68; citato in Karlheinz Deschner, Sopra di noi... niente, Ariele, 2008)
  • L'abisso della mia anima chiama sempre a gran voce l'abisso di Dio: dimmi, qual è più profondo?
  • La rosa è senza perché, fiorisce perché fiorisce; non pensa a sé, non si chiede se la si veda oppure no.
  • Per l'anima non è mai notte. Mi stupisco tu possa volere tanto il giorno! Per la mia anima il sole non è mai tramontato.
  • Tutto quello che vuoi, uomo, è già prima in te: è soltanto questione che non sai trarlo fuori.

[Angelus Silesius, Il pellegrino cherubico, a cura di Giovanna Fozzer e Marco Vannini, Edizioni Paoline, Cinisello Balsamo 1999]

Altri progetti[modifica]