Hannah e le sue sorelle

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Hannah e le sue sorelle

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Hannah and Her Sisters
Paese USA
Anno 1986
Genere commedia
Regia Woody Allen
Sceneggiatura Woody Allen
Attori
Note

Hannah e le sue sorelle, film statunitense del 1986 di Woody Allen.

Frasi[modifica]

  • Milioni di libri scritti su ogni concepibile argomento da tutte queste grandi menti e alla fine nessuno di loro sa niente più di me sui grandi misteri della vita. Ho letto Socrate. Sapete, ma schiappettava i ragazzini greci. Che diavolo ha da insegnare a me? E Nietzsche, con la sua teoria dell'eterno ritorno. Diceva che la vita che noi viviamo la vivremo ancora, ancora e ancora, e esattamente nello stesso modo per l'eternità. Splendido! Questo significa che io dovrò vedere ancora Holiday on Ice. Non vale la pena. (Mickey Sachs)
  • Andai in un'armeria e comprai un fucile. Intendevo... mi capite, se mi avessero detto che avevo un tumore maligno. Insomma, mi sarei fatto fuori. L'unica cosa che avrebbe potuto fermarmi, dico avrebbe, è che i miei genitori ne sarebbero sconvolti. Avrei quindi... avrei dovuto uccidere anche loro – prima. Eppoi ho una zia e uno zio. Avrei dovuto... capite... sarebbe andata a finire in un bagno di sangue. (Mickey Sachs)
  • E Freud, un altro grande pessimista! Gesù, sono stato in analisi per anni, non è successo niente! Il mio povero analista ne fu così frustrato che alla fine trasformò lo studio in un self-service vegetariano! (Mickey Sachs)
  • Il cattolicesimo per me è muori subito e paghi dopo. (Mickey Sachs)
  • Un giorno, circa un mese fa... toccai veramente il fondo. Sai... io sentivo che in un universo senza Dio, io non volevo continuare a vivere. Ora... per caso avevo quel fucile che... che caricai, tu ci creda o no, e mi misi la canna contro la fronte. E ricordo che pensavo in quel momento "Io mi ammazzo", poi pensai "Mah, e se sbagliassi? E se ci fosse un Dio? Voglio dire, in fondo questo nessuno lo sa di sicuro...". Ma poi pensai "No! Senti, questo forse non basta! Io voglio la certezza o niente...". E ricordo chiaramente... il ticchettio dell'orologio. E io ero lì seduto, raggelato, con la canna contro la testa, a dibattermi tra sparare o no... Improvvisamente partì il colpo. Ero talmente teso che... che il mio dito aveva premuto il grilletto inavvertitamente. Ma io sudavo talmente che la canna era slittata fuori dalla fronte e mi aveva mancato. E subito i vicini stavano bu... bussando alla porta e... e non lo so, era tutto... era un gran pandemonio! E sai io io io non sapevo cosa dire, sai, e... ero imbarazzato e confuso e la mia mente correva a un miglio al minuto. E io... io sapevo una cosa sola, io... io dovevo uscire da quella casa. Dovevo proprio uscire all'aria aperta e ritrovare la calma. E, ricordo chiaramente che camminavo per le strade. E camminai, e camminai, e non so che mi passava per la mente. Sembrava tutto così violento ed irreale. E vagai per... non so quanto sull'Upper West Side, sai, ma... ma devono essere state ore! Mi... mi facevano male i piedi, mi martellava la testa e dovevo sedermi. Entrai in un cinema. Io... io neanche sapevo che davano. Av... avevo solo bisogno di un momento per raccogliere le idee e... ed essere logico! E riportare il mondo in una prospettiva razionale. Andai sopra in galleria e mi misi a sedere. E, sai, il film era un film che avevo visto tante di quelle volte... fin da ragazzino. E... e mi era sempre piaciuto. E, sai, io... io guardavo quella gente sullo schermo, e cominciai ad essere preso dal film, capisci? E... cominciai a provare: "Come puoi anche solo pensare di ucciderti! Insomma, no... non è stupido! Voglio dire, io... guarda tutta quella gente sullo schermo! Senti, sono proprio buffi! E... e se anche fosse vero il peggio! E se Dio non ci fosse e tu campassi una volta sola e amen? Be', non vuoi partecipare all'esperienza? E... e che diamine! Mica è tutta una noia!" E pensavo tra me: "Gesù! Dovrei smettere di avvelenarmi la vita cercando risposte che non avrò mai... e godermela finché dura! E, sai, dopo chissà, insomma, ecco... forse c'è qualcuno! Nessuno lo sa veramente. Lo so... forse è un filo molto sottile per appenderci tutta la tua vita, ma... di meglio non abbiamo!". Piano piano mi rilassai, e cominciai a divertirmi davvero. (Mickey Sachs)

Dialoghi[modifica]

  • Hannah: Ma allora, scusa, l'inseminazione artificiale?
    Mickey Sachs: Ma di che stai parlando?
    Hannah: Sai, dove io sarei fecondata da un donatore...
    Mickey Sachs: Da un estraneo?
    Hannah: Ci sono banche, sai, dove li tengono surgelati.
    Mickey Sachs: Tu vuoi un figlio scongelato?
  • Mickey Sachs: Lei è la censura interna? Ok! Perché improvvisamente lo sketch è sconcio?
    Henry Snipes, Censura Interna: Le molestie ai bambini sono un tema a rischio per...
    Mickey Sachs: Ma leggete i giornali: mezzo paese molesta i bambini!
    Henry Snipes: Sì, ma lei fa dei nomi.
    Mickey Sachs: Noi non facciamo nomi. Diciamo Il Papa!
  • Segretaria: Due mesi fa eri sicuro di avere un melanoma maligno.
    Mickey Sachs: Naturale... io, io, capisci, con l'apparizione improvvisa di una macchia nera sulla schiena...
    Segretaria: Ma era sulla camicia!
    Mickey Sachs: E io che ne sapevo! Tutti indicavano qua dietro!".

Altri progetti[modifica]