Rudy Rucker

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Rudy Rucker

Rudolf Von Bitter Rucker, meglio conosciuto come Rudy Rucker (1946 — vivente), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Monumento alla Terza Internazionale[modifica]

Una corrente d'aria investì i biondi capelli di Luanne Carrandine. Visioni d'artigli, immagini di liberazione.
— Vedete? — stava dicendo la commessa. — C'è un buco nel pavimento, signora Carrandine. Per fortuna non c'è caduto dentro nessuno.
Si stava formando una fitta nebbiolina, densa e spessa come ketchup. Un tentacolo di nebbia circondò un polpaccio di Luanne. Lei respirò un po' di quella roba, e alcune vocine sembrarono uscire da ogni angolo. Luanne scosse la testa e spalancò gli occhi. «Avanti» disse a se stessa «è lunedì mattina, Luanne, è ora di lavorare». I fatti, per favore.

Signore dello spazio e del tempo[modifica]

Il mio monitor cominciò a lampeggiare. Avevo fatto un programmino che calcolava l'ora in cui potevo staccare al nanosecondo. Alla Softech avevamo l'orario flessibile, e dunque potevamo staccare quando avessimo fatto le nostre quaranta ore alla settimana. Battendo qualche tasto finì ufficialmente la settimana lavorativa. Sbadigliai e mi guardai in giro per l'ambiente troppo familiare. Ero troppo vecchio per lavorare in quelle condizioni. Un paio d'anni prima avevo creduto di avercela fatta: una ditta mia e la mia firma sugli assegni paga. E adesso...

Bibliografia[modifica]

  • Rudy Rucker, Monumento alla Terza Internazionale, traduzione di Sandro Mogni, Mondadori, 1986.
  • Rudy Rucker, Signore dello spazio e del tempo, traduzione di Marco e Dida Paggi, Mondadori, 1986.

Altri progetti[modifica]