Sandro Vesce

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Sandro Vesce (1938 – vivente), scrittore italiano.

Incipit di Per un cristianesimo non religioso[modifica]

"Ateniesi, sotto ogni rapporto io vi trovo grandemente religiosi [...] Ho trovato un altare con questa iscrizione: a un Dio ignoto. Ebbene, quello che voi venerate senza conoscerlo io lo annuncio a voi" (Atti deli Apostoli 17,22-23). Queste parole esprimono molto bene il modo in cui ha sempre proceduto la predicazione cristiana, in Occidente almeno fino al 1700; non c'è uomo che in una forma o nell'altra non veneri Dio e la forma giusta di venerarlo è quella cristiana (con la rottura protestante si aggiunge ovviamente a "cristiana" la specificazione "cattolica", "evangelica" e così via, a seconda dell'appartenenza del predicatore all'una o all'altra delle varie chiese). Se c'era una cosa che non si discuteva neppure era che gli uomini sono religiosi. Del resto, la religiosità generale era dimostrata dai fatti. Per tutti gli uomini di Dio c'era e si doveva adorarlo attraverso la religione. Il problema dunque non poteva consistere che nello stabilire quale fosse la religione vera e quali fossero le religioni false, che invece di adorare Dio adoravano gli idoli.

Bibliografia[modifica]

  • Sandro Vesce, Per un cristianesimo non religioso, Giangiacomo Feltrinelli Editore, Milano 1976.