Walter Burkert

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Walter Burkert (1931 – vivente), scrittore e storico tedesco.

La saga delle Cecropidi e le Arreforie[modifica]

Incipit[modifica]

Chi, ad Atene, salga verso l'Acropoli, mentre a ogni svolta della strada i luminosi profili marmorei, le teorie di colonne e di architravi, continuano ad accavallarsi o a distendersi in un mutevole gioco prospettico, si sente sempre riafferrato dal mistero della classicità greca, evento unico e incomparabile, di fronte a cui ormai il solo atteggiamento possibile è quello della constatazione o dell'accettazione. Ma quando ci si sforza di compiere un'analisi più approfondita, di cogliere e di portare al livello della coscienza tutto quello che si può ancora comprendere, quel primo moto di gioia rischia di trasformarsi improvvisamente in un senso di perplessità.

Citazioni[modifica]

  • Le Panatenee, in quanto festa principale del mese di Ecatombeone, sono anche la festa del capoluogo, l'anniversario della fondazione della città di Atene. (p. 47)

[Walter Burkert, La saga delle Cecropidi e le Arreforie: dal rito di iniziazione alla festa delle Panatenee (Kekropidensage und Arrhephoria. Vom Initiationsritus zum Panathenäenfest), traduzione di Giuliana Lanata, da Il mito a cura di Marcel Detienne, Universale Laterza, 1976]


Altri progetti[modifica]