Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Nino Martoglio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da 'a vilanza)
Jump to navigation Jump to search
Nino Martoglio, disegno di Antonino Gandolfo

Nino Martoglio (1870 – 1921), regista, sceneggiatore, scrittore e poeta italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

'a vilanza[modifica]

(La tavola è ancora apparecchiata e i quattro personaggi sono alla fine del desinare – Ninfa versa da bere a Saru, che è acceso in volto e imbambolato, non tanto per il vino bevuto quanto per lo stordimento della passione aizzosa e sfacciata di Ninfa, che lo tiene come sotto un fascino – Anna è sulle spine, più per la paura di Oraziu e per la vergogna dello spettacolo di audacia della donna, che per gelosia del marito. – Oraziu – che in realtà nota tutto – finge di non accorgersi di nulla e con un sorriso sardonico pare che inciti i due a compromettersi di più agli occhi di Anna, verso la quale si mostra rispettoso).
Ninfa Biviti 'n'autru tanticchia!... Vaia, cumpari!...
Anna (sulle spine) – No, ppi carità, n' 'o faciti biviri chiù!... N' 'o viditi ca ci leva?...
Saru Sì, veru è, grazii, cummari, basta... assai haiu vivutu...
Oraziu Chi assai!... Comu, ci faciti 'st'offisa, 'a cummari?...

Centona[modifica]

Centona, si lu munnu allittricutu,
scienti e varvasapiu arruccatu,
doppu tant'anni ch'ha' jutu e vinutu,
ancora, chi ci si' nun s'ha' addunatu,
signu c'ha' jutu sempri senza 'ndrizzu,
ca 'n'ha' saputu fari pruulazzu,
ca si' comu un cagnolu appagnatizzu
chi 'un'avi rastu e nun cunchiudi un lazzu!...

San Giuvanni decullatu[modifica]

Mastru Austinu (su una scala a pioli, accanto all'icòna e all'altezza di essa, dopo avere aggiustato i fiori, prende dalla nicchia, un bicchiere per metà colmo d'acqua, dove galleggia un lucignolo, e l'osserva da tutti i lati mormorando) Vigliacchi! (poscia chiama) Lona!...
Serafina (affacciandosi dalla porta di fondo) Chi vuliti, patri? (gitta uno sguardo sul balconcino, dal quale si affaccia, come per incanto, Don Ciccinu, e si scambiano un sorriso).
Mastru Austinu (che non si accorge di Don Ciccinu) Comu ti chiami, tu?
Serafina Pirchí?
Mastru Austinu Torno e rebrico, comu ti chiami?
Serafina Serafina..., 'n 'o sapiti, vui?

Scuru[modifica]

(All'alzarsi della tela si ode un grande schiamazzo, si ride, si applaude, si vocia. Le donne stanno sedute in fila sulla destra e gli uomini sulla sinistra. Si gioca agli indovinelli).

Don Cuncettu (si alza, tenendo un fazzoletto avvoltolato in mano, aspetta che si faccia silenzio e declama)
Oh 'Gnâ Tudda, chi faciti?
Chi d'arreri mi la mittiti?
Ppi l'amuri di tutti i santi,
Non d'arreri, ma davanti!
(gitta il fazzoletto a 'Gnâ Tudda e, sedendo, aggiunge)
Ppi la santa Nunziata,
'N' è parola marchiata!...
La 'Gnâ Tudda (dopo breve riflessione) 'A lanterna!
Tutti Beni, bravu, induvinatu!...

Bibliografia[modifica]

  • Nino Martoglio, 'a vilanza, in "Teatro dialettale Siciliano", Catania, N. Giannotta, 1922.
  • Nino Martoglio, Centona, Catania, N. Giannotta, 1948.
  • Nino Martoglio, San Giuvanni decullatu, in "Teatro", Casa editrice G. D'Anna, Messina, 1965.
  • Nino Martoglio, Scuru, in "Teatro", Messina, Firenze, G. D'Anna, 1965.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]