Alan Turing

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Alan M. Turing)
Jump to navigation Jump to search
Monumento in memoria di Alan Turing

Alan Mathison Turing (1912 – 1954), matematico e informatico inglese.

Citazioni di Alan Turing[modifica]

  • Il ragionamento matematico può essere considerato piuttosto schematicamente come l'esercizio di una combinazione di due capacità, che possiamo chiamare intuizione e ingegnosità.
Mathematical reasoning may be regarded rather schematically as the exercise of a combination of two facilities, which we may call intuition and ingenuity.[1]
  • L'opinione diffusa secondo cui gli scienziati procedono inesorabilmente da un dato di fatto consolidato a un altro dato di fatto consolidato, senza essere mai influenzati da congetture non dimostrate, è del tutto errata.[2]
  • Se una macchina dev'essere infallibile, non potrà essere anche intelligente.[3]
  • Un calcolatore meriterebbe di essere definito intelligente se potesse ingannare un essere umano facendogli credere di essere umano.[4]
  • Un uomo fornito di carta, matita e gomma e assoggettato a una severa disciplina è in effetti una macchina universale.[5]
(EN) Da Computing Machinery and Intelligence; pubblicato in Mind – A Quarterly Review of Psychology and Philosophy, vol. 59, 1950
  • Credo che alla fine del secolo l'uso delle parole e l'opinione delle persone di cultura saranno cambiate a tal punto che si potrà parlare di macchine pensanti senza aspettarsi di essere contraddetti.
I believe that at the end of the century the use of words and general educated opinion will have altered so much that one will be able to speak of machines thinking without expecting to be contradicted. (p. 442)
  • Ai tempi di Galileo si affermava che i testi "Stette fermo il sole in mezzo al cielo e non si affrettò a calare quasi un giorno intero" (Giosuè 10,13) e "Hai fondato la terra sulle sue basi, mai potrà vacillare" (Salmi 104,5) fossero una confutazione adeguata dalla teoria copernicana.
In the time of Galileo it was argued that the texts, "And the sun stood still... and hasted not to go down about a whole day" (Joshua x. 13) and "He laid the foundations of the earth, that it should not move at any time" (Psalm cv. 5) were an adequate refutation of the Copernican theory. (pp. 443-444)
  • Le macchine mi sorprendono con grande frequenza.[6]
Machines take me by surprise with great frequency. (p. 450)
  • Possiamo vedere solo poco davanti a noi, ma possiamo vedere tante cose che bisogna fare.
We can only see a short distance ahead, but we can see plenty there that needs to be done. (p. 460)

Attribuite[modifica]

  • La scienza è un'equazione differenziale. La religione è una condizione al contorno.[7]
  • No, non mi interessa sviluppare un cervello elettronico potente. Mi accontento di uno mediocre, un po' come quello del presidente dell'AT&T.[8]

Citazioni su Alan Turing[modifica]

  • Turingschande: sostantivo. La vergogna che si prova quando si scopre di aver scambiato un'intelligenza artificiale per un amico intimo. (Civilization: Beyond Earth)

Note[modifica]

  1. (EN) Dalla sezione 11 The purpose of ordinal logics, di Systems of Logic Based on Ordinals, 1938; pubblicato in Proceedings of the London Mathematical Society, serie 2, vol. 45, 1939.
  2. Citato in AA.VV., Il libro della matematica, traduzione di Roberto Sorgo, Gribaudo, 2020, p. 289. ISBN 9788858025857
  3. Citato in AA.VV., Il libro della matematica, traduzione di Roberto Sorgo, Gribaudo, 2020, p. 286. ISBN 9788858025857
  4. Citato in AA.VV., Il libro della scienza, traduzione di Martina Dominici e Olga Amagliani, Gribaudo, 2018, p. 253. ISBN 9788858015001
  5. Da "Intelligent Machinery: A Report by A. M. Turing," (estate 1948), per il National Physical Laboratory (1948) e pubblicato in Key Papers: Cybernetics, a cura di C. R. Evans e A. D. J. Robertson (1968) ed, in forma diversa, in Machine Intelligence 5, a cura di B. Meltzer e D. Michie (1969). Citato in AA.VV., Il libro della matematica, traduzione di Roberto Sorgo, Gribaudo, 2020, p. 287. ISBN 9788858025857
  6. Citato in Come funziona la filosofia, a cura di Marcus Weeks, traduzione di Daniele Ballarini, Gribaudo, 2020, p. 157. ISBN 9788858025598
  7. Citato in J. D. Barrow, Teorie del tutto. La ricerca della spiegazione ultima.
  8. Pronunciato alla mensa dei Bell Labs, 1943; citato in A. Hodges, Storia di un enigma – Alan Turing, Boringhieri.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]